Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Android senza Google funziona davvero? L'abbiamo provato

Android senza Google funziona davvero? L'abbiamo provato

La fine del supporto di Google per gli smartphone Huawei pone una vecchia domanda sotto una nuova luce: cosa rimane di Android se si rimuovono i servizi di Google? Ho testato Android senza Google per un po' e sono rimasto soddisfatto del risultato. Ci sono alternative per la maggior parte dei servizi dell'azienda. Sebbene si debbano accettare alcuni compromessi in termini di facilità d'uso, si recupera gran parte della privacy.

Oltre al kernel del sistema operativo open source di Android, Google si occupa anche di decine di componenti non open source. Tuttavia, questi hanno una profonda influenza sulle funzionalità di un tipico smartphone Android. Quindi, se si strappa Google e si mantiene Android, come presto accadrà sui dispositivi Huawei, l'esperienza utente cambia notevolmente. Nascono, tuttavia, molte possibilità!

Con alcuni esempi vorrei mostrarvi come Android possa funzionare senza Google e come molti componenti sviluppati da Big G possano essere sostituiti in maniera ottima. Altri componenti e servizi, invece, dovrebbero essere sviluppati interamente da Huawei.

Scorciatoie:

Android senza Google: cosa rimane?

Comune a tutti i dispositivi basati su Android, con o senza componenti Google, è il nucleo open source del progetto Android Open Source Project. Questo rappresenta un'interfaccia unificata tra hardware e software e fa funzionare le applicazioni Android sugli smartphone Android.

Una grafica informativa, non proprio recente lo ammetto, del Fairphone Open Project in verde indica i componenti open source di un sistema Android. I componenti blu sono solitamente forniti da fornitori terzi sotto forma di pacchetti a codice sorgente chiuso. I componenti rossi sono i cosiddetti servizi Google, anch'essi closed source e profondamente ancorati al sistema.

fos v1 720 1
Le vecchie infografiche di Fairphone illustrano ancora bene come le applicazioni proprietarie di Google determinano gran parte delle funzionalità Android. / © AndroidPIT

Android AOSP puro non può essere facilmente installato su uno smartphone. Il codice sorgente deve prima essere compilato per l'hardware del dispositivo di destinazione e dotato degli opportuni componenti aggiuntivi. Fortunatamente, la rete è piena di volontari che lo fanno per noi e ci forniscono gratuitamente le build corrispondenti con nomi come "Lineage OS". Ne riparleremo dopo.

Android senza Google: cosa manca?

Nel corso degli anni, Google ha gravemente minato il nucleo di Android, un tempo concepito apertamente. Importanti funzioni come i servizi di localizzazione, il sistema di notifica push o la protezione antifurto non sono disponibili nell'AOSP o lo sono solo in modo rudimentale. Questo è fastidioso perché alcune applicazioni si bloccano o non si aprono affatto senza quei servizi.

AndroidPIT ticwatch e ticwatch s smartwatch android wear wearables 8083
Gli orologi Wear OS non funzioneranno senza le Google App. / © AndroidPIT

Anche funzioni come Google Cast o la connessione a un orologio Wear OS non è più possibile senza i componenti di Google. Inoltre, mancano applicazioni importanti come Maps (anche per la visualizzazione di mappe in applicazioni di terze parti) o una fonte di applicazioni come il Play Store, il che è molto più fastidioso. Vedremo nella prossima sezione che entrambi possono essere sostituiti.

In primo luogo, va detto anche che la mancanza di applicazioni di Google ha effetti positivi. Ad uno smartphone AOSP mancano anche tutti i servizi di tracciamento e pubblicità di Google. Dal punto di vista della protezione dei dati, Android senza Google rappresenta un significativo guadagno in termini di privacy.

Il sistema di prova: cosa può essere sostituito e come?

Questa volta un OnePlus 5 è stato utilizzato per il mio nuovo test di Android senza Google. Installato nel sistema troviamo la ROM Lineage OS per microG, basata su Android Pie e livello di patch di sicurezza aggiornato a maggio 2019.

Il sistema operativo disponibile per quasi 200 smartphone combina le suddette configurazioni con il pacchetto microG e lo store di applicazioni F-Droid. L'installazione avviene tramite TWRP (link alla pagina ufficiale) dopo aver sbloccato il bootloader sullo smartphone. Tutte queste procedure descritte invalidano la garanzia della maggior parte degli smartphone.

Com'è andata la mia prova?

  1. Trovare e scaricare le applicazioni
  2. Cosa funziona?
  3. Cosa non funziona ancora?
AndroidPIT android without google 9159
Con la TWRP, Android può essere installato anche senza Google Apps. / © AndroidPIT

Già al primo avvio si nota la differenza: senza i servizi di Google vi connettete alla WLAN, cercate gli aggiornamenti di sistema, impostate un pin o una password di sblocco e poi giungete semplicemente nella schermata principale. Vengono omesse lunghe note sulle condizioni d'uso, l'attivazione di numerosi servizi del gigante delle ricerche o l'accesso agli account Google o simili. È un po' come ai vecchi tempi.

Trovare, scaricare e installare applicazioni

Per prima cosa basta aprire il sostituto del Play Store chiamato F-Droid che, senza log-in, aggiorna per prima cosa i suoi pacchetti sorgente. In seguito si avranno diverse migliaia di applicazioni tra cui scegliere, numero notevolmente inferiore a quello del Play Store. Il vantaggio: sono tutte gratuite, open source e senza pubblicità.

AndroidPIT android without google 9102
Senza Play Store è possibile passare ad alternative come F-Droid (a destra). / © AndroidPIT

Molte applicazioni non disponibili possono essere scaricate nello Yalp Store. Ci sono applicazioni closed source come Slack, Skype, ProtonMail e molte altre. Yalp Store è una sorta di porta di servizio nel Play Store e utilizza un account falso. Purtroppo, con Yalp Store è possibile scaricare solo applicazioni gratuite. Ad esempio, per un test completo avrei dovuto acquistare Threema fuori dal Play Store sul sito web e scaricare l'app da lì.

Se a Huawei non è più consentito preinstallare il Play Store, oltre alle alternative sopra menzionate, potete contare su un produttore ufficiale per lo meno. Huawei gestisce anche da tempo un App Store in Cina arrivato recentemente in Europa.

Un problema è l'assenza degli aggiornamenti delle applicazioni in background. Mentre al Play Store è stato permesso di installare e aggiornare le applicazioni in background e senza porre domande grazie ai suoi privilegi, questo non è possibile con le fonti indipendenti delle applicazioni. La versione modificata di F-Droid della versione testata del sistema operativo Lineage OS consente aggiornamenti senza intervento utente, ma non lo Yalp Store. Vi chiederà di nuovo per ogni applicazione se volete davvero installarla. E se un'applicazione è disponibile in più di uno dei vostri app store, ci possono essere anche conflitti con gli aggiornamenti.

Cosa funziona?

Android è piacevolmente veloce senza la zavorra di Google. E grazie a F-Droid preconfigurato e dopo aver configurato lo Yalp store, ho installato la maggior parte delle applicazioni che uso in pochi minuti. Prima una tabella per una rapida panoramica:

Applicazioni disponibili in Android senza Google

Applicazione Alternativa o Store
Google Calendar Calendar, Nextcloud
Google Device Manager Cerberus
Navigatore DB Yalp Store
Info sulla guida LPP Yalp Store
Google Maps MAPS.ME, OsmAnd; F-Droid o QUI WeGo, Yalp Store
Gmail Protonmail, Yalp Store
LastPass Yalp Store
YouTube NewPipe, F-Droid
ING Online Banking Yalp Store
Telegram Variante F-Droid senza GMS
DriveNow / MultiCity / Free2Move Yalp Store

Le mie maggiori preoccupazioni riguardavano applicazioni ad alta intensità di notifica come Telegram o applicazioni che dipendono dalla posizione e dalle mappe come DriveNow o BVG Fahrinfo. Le varianti F-Droid delle applicazioni di solito non dipendono dalle API di Google. Le applicazioni Yalp store, d'altra parte, possono evitare le API attingendo a quelle del framework microG senza ulteriori configurazioni. Sono entusiasta.

Cosa non funziona (ancora) e offre opportunità per Huawei?

Anche se quasi tutte le applicazioni si avviano, non sempre funzionano perfettamente. Ad esempio, ING Banking visualizza un messaggio di errore quando voglio attivare le notifiche push. A quanto pare ci sono difficoltà con l'implementazione del cloud messaging di microG dichiarato come "pienamente funzionante". Errori simili sono raccolti dagli utenti su GitHub.

Il difetto più importante per me è la mancanza di sincronizzazione e backup di e-mail, calendari, contatti, foto e simili. Ci sono molte cose di cui bisogna prendersi cura manualmente in Android senza Google. Mentre io sono stato in grado di aggirare molte di queste limitazioni con un server NextCloud che ho impostato io stesso, l'utente comune e poco pratico non ha speranze.

Huawei dovrebbe offrire una sorta di assistente alla migrazione che rilevi i servizi di Google come calendario, contatti, e-mail e, soprattutto, la protezione antifurto dello smartphone e li porti sui server Huawei. Il produttore ha già utilizzato molti di questi servizi per i suoi clienti cinesi che non possono utilizzare Google nel proprio Paese per altri motivi. I modelli venduti in Europa mostrano segni di corrispondenti servizi cloud Huawei, che tuttavia hanno svolto un ruolo secondario. Forse questo cambierà presto.

Smart home più facile con Alexa di Amazon

Se si utilizza Android senza Google, anche con il framework microG, i dispositivi Google Cast sono invisibili allo smartphone. In generale, vale di più l'uso di Amazon Alexa per gestire la configurazione della vostra smart home. E se volete rinunciare completamente alle società che guadagnano con i vostri dati, forse una soluzione di terze parti come Athom Homey è un'alternativa ottima per voi.

AndroidPIT android without google 9154
Alexa può anche essere configurata per essere avviata alla pressione del tasto home come assistente predefinito. / © AndroidPIT

Trova il mio smartphone

Anche la protezione contro i furti senza Google è difficile. Cerberus serve qui come buona alternativa al gestore di dispositivi altrimenti esistente, anche se si deve pagare per il servizio. Quindi è possibile controllare teoricamente il proprio smartphone da remoto via SMS o internet, recuperare la sua ultima posizione, scattare selfie dal ladro da inviare a un indirizzo e-mail specificato, bloccare il dispositivo, cancellare i dati e altro ancora.

Anche Huawei potrebbe offrire tale servizio, come Samsung ha già fatto con FindMyMobile. Personalmente, sarei anche contento di un'alternativa locale che posso idealmente configurare come applicazione NextCloud. Un progetto correlato chiamato Open DeviceManager è attualmente non funzionante. L'applicazione FindMyPhone di F-Droid risponde a un SMS o e-mail con le coordinate GPS del vostro smartphone.

Conclusione

La dipendenza dell'ecosistema Android da Google e dai suoi servizi è evidente su due livelli, ma entrambi i problemi possono essere risolti. LineageOS per microG dimostra che le applicazioni del Play Store funzionano senza adattamento nonostante la mancanza di interfacce di Google: la vostra dipendenza dai servizi di Google può essere curata.

Funzioni di base come la protezione antifurto, la sincronizzazione di appuntamenti, contatti o e-mail e i backup delle foto rappresentano una sfida maggiore senza Google. È necessario cercare delle alternative, sia attraverso fornitori terzi che attraverso un proprio server.

Huawei potrebbe, tuttavia, porre rimedio a tutti questi problemi. Deve solo fornire l'infrastruttura per milioni di clienti entro breve termine. Gli utenti devono anche essere disposti a migrare i loro dati da un gigante dei dati negli Stati Uniti a un'azienda cinese al momento molto discussa.

Articoli consigliati

5 Commenti

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • La sincronizzazione di contatti e calendario si può fare tranquillamente con davdroid. per quanto riguarda gli aggiornamenti automatici delle app, dovrebbe essere possibile installando Aurora store come servizio di sistema.


  • Bell'articolo, sono finito qui perché avevo comprato uno smartphone di marca cinese (Leagoo M9) che avendo Google play "craccato" mi dava una notifica di errore ogni 3 secondi.
    Così mi sono chiesto se potesse funzionare Android senza Google.
    Nel mio caso ho bloccato la notifica a tutte le app di Google, si intende persino quella degli SMS, l'orologio e naturalmente play store , play musica , etc etc.
    Così il telefono è diventato utilizzabile.
    Premesso che il telefono in questione non è per me, ma penso che riuscirei a vivere senza i servizi di Google.


  • però su un tablet che non porti spesso in giro lo puoi fare tranquillamente
    ho già provato a farlo e non ci sono stato male
    dopotutto, l'open source world offre un sacco di cose


  • Ciao grazie per il tuo articolo dettagliato , se c ' è una buona alternativa à google la adotto subito
    Già per canbiare e poi sarebbe tempo che google si rinnovi
    con un ' altra interfaccia una nuova home page e che allegerisce il "peso " delle sue apps e togliere
    una volta per tutte certe app che
    non ne vedo più l ' utilità .
    Ciao , grazie per l ' articolo . Isho


  • Non è che ci si potesse aspettare conclusioni molto diverse, la gente è abituata ormai, e non percepisce nemmeno la più o meno legittima egemonia di Google, si limita solo a pensare che così, gli smartphone sono più comodi, ma del resto, è la verità :)

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica