Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione.

5 min per leggere 1 Commento

Cosa è il Gorilla Glass? Scopri le differenze tra tutte le varie versioni

Di sicuro avrete già sentito parlare del Gorilla Glass. È il nome della tecnologia che rende il vetro più resistente a graffi e scheggiature. Anche se la maggior parte di voi lo conosce perché è usato su smartphone e tablet, il Gorilla Glass viene utilizzato anche su altri device e in altri settori dell'industria.

Scorciatoie

Cosa è il Gorilla Glass?

Sviluppato dalla Corning Inc., il Gorilla Glass è un tipo di vetro fatto da un materiale chiamato alluminio-silicato-alcalino, formato dalla fusione di alluminio, silicio e ossigeno. Non è un materiale che si trova in natura, anzi, la Corning ha iniziato la sua produzione nel 2005. Studiato per avere una maggiore resistenza a graffi e scheggiature, è leggero e sottile (0,4 mm di spessore).

Comunque, il Gorilla Glass non  è stato il primo prodotto avanzato della Corning. In passato questa stessa azienda, prima conosciuta come Chemcor, aveva già sviluppato altri tipi di vetro resistente per uso domestico, apparecchi oftalmici, per automobili, e per applicazioni nel campo aerospaziale e farmaceutico. Il vero successo della Corning però è iniziato nel 2010 con gli smartphone.

Anche se ha una tecnologia che lo rende resistente anche alle martellate, il Gorilla Glass non renderà il vostro telefono indistruttibile. Tutto dipende dalla versione che avete e da una serie di altri fattori, fra cui lo spessore. Quindi è meglio pensare a questo vetro come a una tecnologia che difende lo schermo del vostro device da graffi e scheggiature profonde.

Troverete ulteriori dettagli sulle singole versioni del Gorilla Glass e le varie differenze qui sotto.

Principali differenze tra le varie versioni del Gorilla Glass

Gorilla Glass 1

Il primo Gorilla Glass è uscito già tra il 2005 e il 2006, ma il grande debutto l'ha avuto con l'iPhone. La Apple lanciò il suo device nel mondo nel 2007 e, sotto richiesta del produttore, il display era spesso 1,5 mm e aveva un rivestimento oleofobico, che minimizzava le macchie e le impronte delle dita.

AndroidPIT dead galaxy s6 3060
Il Gorilla Glass ebbe il suo debutto con l'iPhone. / © AndroidPIT

Però l'iPhone non era il solo ad avere il display col Gorilla Glass. La Corning riuscì a far arrivare la propria tecnologia su circa 250 modelli nella sola prima generazione.

Gorilla Glass 2

Nel 2012, la Corning lanciò il Gorilla Glass 2 al CES. Il vetro aveva praticamente la stessa resistenza, la differenza la faceva lo spessore. La seconda generazione era il 20% più sottile della precedente. Nei test di laboratorio, riusciva a sopportare una pressione di 50 kili senza rompersi o incrinarsi.

In quello stesso anno, il Gorilla Glass fu montato su 600 milioni di device. Siccome questa versione era più leggera della precedente, i produttori riuscirono a sviluppare modelli più sottili e leggeri. Sia il Nexus 4 che il Galaxy S3 erano equipaggiati con il Gorilla Glass 2.

Gorilla Glass 3

A differenza del 2, che puntava tutto sulla sottigliezza, il Gorilla Glass 3 era ancora più resistente. Questa è stata la stessa generazione che ha introdotto il Native Damage Resistence (NDR), per cui il vetro riusciva a sopportare graffi ancora più profondi. Secondo Corning, la terza generazione riusciva a prevenire circa il 35% dei graffi sullo schermo. Per celebrare la nuova versione, la Corning progettò di aumentare la resistenza del Gorilla Glass di tre volte rispetto a quelle precedenti. Ci riuscirono grazie ad un nuovo processo produttivo. Il GG 3 fu lanciato al CES del 2013, e fu montato su telefoni quali Galaxy S4, Moto G e Moto X.

AndroidPIT Samsung Galaxy S4 review 2015 5
Il Galaxy S4 aveva il Gorilla Glass 3 / © AndroidPIT

Gorilla Glass 4

Nel 2014, la Corning ha presentato il nuovo Gorilla Glass con un nuovo audace obbiettivo. Grazie ad una ricerca di mercato l'azienda aveva scoperto che fino al 70% dei danni allo schermo erano dovuti a cadute, e quindi ha iniziato ad investire per cercare di rinforzare il vetro. Il GG 4 è stato sviluppato con l'idea di renderlo resistente alle cadute.

Infatti i dati di laboratorio confermano che la quarta versione del Gorilla Glass è due volte più forte di quella precedente. Naturalmente, questa tecnologia non è lontanamente paragonabile alla resistenza agli impatti violenti del Moto ShatterShield di Moto Force. Il Galaxy Note 5 e lo ZenFone 2 sono alcuni dei modelli che hanno la quarta generazione del GG.

Gorilla Glass 5

La quinta generazione è stata progettata per dare una resistenza alle cadute ancora maggiore, e si è arrivati ad una forza quattro volte maggiore della versione precedente. La Corning ha dichiarato che nei test di laboratorio, il GG 5 è sopravvissuto ad una caduta da 1 metro e 60. Questo significa che il produttore può garantire che, grazie alla sua tecnologia, si possono evitare danni nell'80% delle cadute su superfici molto dure dall'altezza di un metro.

Il mio smartphone ha il Gorilla Glass?

In passato c'erano differenze tra i device a seconda della nazione dove questi venivano venduti. La maggior parte dei produttori hanno fornito i propri device con tecnologie che li rendono più resistenti ai graffi e alle scheggiature, oppure ne hanno sviluppate di proprie, come ha fatto Sony. Dragontail è una tecnologia molto simile usata ampiamente dalle aziende cinesi. Ci sono anche schermi fatti mischiando alluminio e cristalli di zaffiro.

Sul sito della Corning c'è una pagina in cui potete scegliere un produttore e controllare se il vostro telefono ha un Gorilla Glass e che versione è. In passato era normale togliere il Gorilla Glass nei device per i paesi in via di sviluppo per abbattere i costi. Oggi, comunque, questa pratica non è più in uso. Date un'occhiata alla sezione speciale.

E il vostro Android ha il Gorilla Glass?

6 Condivisioni

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più