Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

6 min per leggere Nessun commento

Deezer vs Spotify: quale scegliere?

Deezer e Spotify sono attualmente due dei servizi di streaming musicale più utilizzati. Li abbiamo testati entrambi al fine di confrontarli, scoprirete nell'articolo qui sotto tutto quello che c'è da sapere su queste due piattaforme, entrambe in grado di garantirvi buona musica e divertimento.

Da cosa è data la qualità di un file audio?

Un file audio deve essere considerato sotto due aspetti: il suo formato e il suo bitrate. È la combinazione di questi due elementi che permette di stabilire la qualità del file.

Esistono due tipi di formati. Alcuni causano perdite audio (MP3, OGG, ecc.), altri no (.wave, flaac, ecc.). Formati come MP3 (Deezer) o OGG (Spotify) sono leggeri perché rimuovono parte delle frequenze, quelle non udibili dall'orecchio umano.

AndroidPIT spotify 1 4
Spotify è il servizio di streaming musicale più utilizzato. / © AndroidPIT

MP3 si è proclamato il re dei file audio su Internet e sui nostri telefoni: è leggero e può essere aperto con qualsiasi dispositivo esista attualmente. L'OGG è molto simile all'MP3, tranne che è open source e comprime un po' più del formato MP3. 

Detto questo, la qualità di un file audio dipende non solo dal suo formato, ma anche dalla velocità di trasmissione utilizzata. Tale velocità è compresa tra 32 e 320 kbps e, come potete immaginare, più alta è meglio è. Cercate di ascoltare una canzone con un bit rate di 32 kbps, si capisce subito di cosa parlo.

Deezer vs Spotify: versioni gratuite

Sul computer, Deezer è un sito, Spotify è anche un software. Qualunque dispositivo si desideri utilizzare, è necessaria la creazione di un account. Infatti, tutto quello che farete con i file audio sarà registrato sul vostro account. Sullo smartphone, le applicazioni funzionano in modo simile: si sceglie il brano, lo si ascolta, si passa a quello successivo. Naturalmente, è possibile creare le proprie playlist, rinominarle e ascoltarle a piacimento.

Non sorprende che l'interfaccia sia molto diversa da un'applicazione all'altra. Solo in termini di colore, Spotify si concentra sul buio con sfumature di verde, mentre Deezer fa di più nel grande contrasto tra luce e ombra. Spofity offre un'interfaccia leggermente diversa a seconda che siate abbonati premium o meno.

spotify free
L'interfaccia gratuita di Spotify. / © AndroidPIT
spotify paidd
L'interfaccia di Spotify (qui la versione a pagamento) è semplice ed efficace. / © AndroidPIT

Le due applicazioni sono simili e consentono di accedere rapidamente alle funzioni più importanti del software, tra cui la ricerca per brano/artista e l'accesso alle playlist. La riproduzione è semplice e intuitiva, tuttavia la versione gratuita di Deezer costringe l'utente a riprodurre i brani in modo casuale. Non lo realizziamo immediatamente poiché abbiamo 15 giorni di Premium offerto al momento della creazione dell'account, ma una volta che questi sono passati, scopriamo la cosa. Anche Spotify utilizzava un sistema simile prima dell'ultimo aggiornamento.

In termini di comunità e relazioni, queste due applicazioni non sono particolarmente sviluppate. Su Spotify, è certamente possibile utilizzare il sistema di amici che consente di seguirli, e quindi essere informati sulla loro attività. Questo è tutto, non si può nemmeno contattarli. Deezer utilizza un sistema equivalente ma un po' più simile a Twitter utilizzando i termini "Segui" e "Ti segue", che rendono un po' più facile orientarsi.

Da un certo punto di vista, Deezer è leggermente superiore a Spotify in quanto consente di accedere più facilmente a funzioni utili, come la registrazione dei preferiti o la musica più recente ascoltata.

androidpit FR deezer app
Deezer ha un catalogo musicale più grande di Spotify anche se personalmente non ho notato differenze. / © AndroidPIT

Per quanto riguarda il catalogo proposto, Deezer in teoria offre una gamma più ampia di scelte. Detto questo, tutto dipende dalla musica che state cercando. Può succedere a tutti di non trovare esattamente la canzone o la band che stiamo cercando in una o l'altra applicazione, ognuno è libero di esprimere la sua opinione in base ai suoi gusti e ai risultati che trova.

Naturalmente, nessuno regala nulla (o almeno è estremamente raro). È possibile utilizzare le funzioni di base, ma a determinate condizioni:

  • Per Deezer, la velocità di trasmissione dati è di 128 kbps. Per Spotify non esiste 128kbps, ma il livello normale è di circa 96 kbps, alta qualità è circa 160 kbit/s ed eccezionale a circa 320 kbit/s. Come spiegato sopra, questo incide sulla qualità audio
  • Verranno riprodotti regolarmente degli annunci tra un brano e l'altro. Sono brevi, ma sono ancora presenti.

Come regalo di benvenuto, Deezer offre 3 mesi di accesso Premium a 0,99 euro. Se si decide di non effettuare l'aggiornamento alla versione Premium, è possibile beneficiare della versione gratuita in qualche modo limitata.

Deezer vs Spotify: versione a pagamento

Le versioni gratuite sono buone, le versioni Premium sono migliori! È così che potremmo riassumere, ma la questione è un po' più complicata.

Tutto dipende dalle vostre aspettative, dal vostro uso e dalla vostra pazienza. Se gli spot pubblicitari vi infastidiscono, allora investire è una buona idea, sia per Deezer che per Spotify. Sono comuni nelle versioni gratuite, questo è il metodo usato dagli sviluppatori per monetizzare la versione non a pagamento. Accettare pubblicità in cambio di un servizio di streaming illimitato non è comunque una cattiva idea.

Il passaggio dalla versione gratuita a quella a pagamento presenta gli stessi vantaggi

Entrambe le applicazioni concordano anche sulla velocità in bit: la versione a pagamento permette di passare a una velocità in bit di 320 kbps. In altre parole, la qualità del suono è migliore. Questo tipo di argomentazione è interessante sulla carta ma, in pratica, rimane discutibile. Naturalmente, c'è una differenza tra 128 kbps e 320 kbps, ma questo primo bitrate è già accettabile per gli utenti normali. Personalmente, non è questo l'argomento che mi convincerebbe a pagare.

Entrambi offrono inoltre l'accesso alla musica offline. Come si può immaginare, ciò significa che è necessario prima configurare il dispositivo per essere in grado di leggere i file senza una connessione a Internet. Questo vantaggio è tutt'altro che trascurabile, soprattutto per chi viaggia molto e non vuole prosciugare il proprio pacchetto dati.

Se si passa a Premium su Deezer, si può dire addio al sistema di riproduzione casuale forzato dei brani. Per ovvie ragioni, si tratta di un argomento valido.

In altre parole, le versioni Premium offrono quasi gli stessi vantaggi al prezzo di 9,99 euro. Le offerte per famiglie sono disponibili a 14,99 euro.

Spotify vs Deezer 

  Spotify Premium Deezer
Prezzo

9,99 euro al mese

9,99 euro al mese

Piattaforma Android, iOS, Mac/PC, Web Android, iOS, Mac/PC, Web
Catalogo 30 milioni di brani 43 milioni di brani
Bitrate 320 Kbps 320 Kbps
Accesso offline

Deezer vs Spotify: conclusione

Se si desidera condividere la musica ascoltata sui social network, Deezer è una buona opzione. Se invece volete creare e/o riprodurre molte playlist in versione gratutia, Spotify è più adatto. Personalmente ho scelto Spotify per la sua offerta per famiglie, ma se siete meno taccagni di me Deezer forse è la soluzione migliore.

Alla fine, le uniche persone adatte a decidere siete voi. A seconda dei gusti musicali, è possibile che un'applicazione sia più completa dell'altra.

Quale servizio di streaming musicale utilizzate?

2 Condivisioni

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Articoli consigliati