Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
47 Condivisioni 18 Commenti

Dobbiamo preoccuparci dell'esplosione dell'ennesimo Note 7?

Il Samsung Galaxy Note 7 continua a far parlare di sé anche se, stavolta, non in modo positivo. Sembra infatti che l'ennesima unità sia esplosa durante la carica. Il brand sudcoreano ha quindi deciso di bloccare temporaneamente le spedizioni in Corea del Sud per effettuare degli ulteriori test.

Un ulteriore aggiornamento ci giunge da Reuters. L'azienda sudcoreana potrebbe ritirare tutti i dispositivi dal mercato. Tutti i dettagli nella sezione dedicata.

Il Note 7 è stato atteso con ansia quest'anno, ed i riflettori sono ancora tutti puntati sul promettente ed elegante phablet. Purtroppo però diverse unità sono esplose durante la carica. Le immagini hanno fatto il giro del web e mostrano il dispositivo inutilizzabile e (quasi) irriconoscibile.

note 7 explosion
Il povero Note 7 dopo l'esplosione.../ © Phone Arena

Le richieste da parte degli utenti del nuovo gioiellino del brand hanno superato le attese. Ciò ha spinto Samsung a limitare il numero di unità disponibili al pre-ordine in Europa per poter piazzare il Note 7 suli scaffali dei diversi negozi fisici entro il 2 settembre, giorno in cui prenderanno avvio le vendite. Ora però il brand sudcoreano ha confermato il blocco temporaneo delle spedizioni in Corea del Sud, una misura necessaria per poter effettuare test di qualità aggiuntivi sul tanto amato phablet che, con un'etichetta simile, non può certo permettersi di tirare fuori problemi di questo tipo. È importante precisare che solo un ristretto numero di dispositivi ha riscontrato questo problema. 

Abbiamo contattato uno dei rappresentati del brand che ha risposto in questo modo alla nostra richiesta di ulteriori dettagli: "Samsung attribuisce grande importanza alla qualità dei suoi prodotti. Per garantire la migliore esperienza ai nostri utenti, stiamo conducendo ulteriori e rigorosi controlli di qualità. Questi potranno, in alcuni mercati, comportare dei ritardi nella spedizione dei Galaxy Note 7". 

Cosa comporta il ritiro del Galaxy Note 7 dal mercato

Le autorità coreane hanno chiesto dei chiarimenti ad un funzionario dell'azienda. Samsung ha appena rilasciato una dichiarazione sul proprio sito nella quale precisa che il numero di dispositivi difettosi riportarti ammonta a 35 e che "al momento stiamo eseguendo un'attenta analisi con i fornitori per identificare le batterie che potrebbero ancora mostrare tali problemi". Aggiunge poi "Tutti i clienti in possesso del Galaxy Note 7, riceveranno una sostituzione del dispositivo nelle prossime settimane".

Ammontano a 2,5 milioni i Note 7 venduti fino al 1° settembre ed il ritiro o la sostituzione dei phablet dal mercato costerà caro al brand sudcoreano. Secondo quanto riportato da Sammobile Samsung potrebbe perdere circa 1 miliardo di dollari.

Più che una perdita finanziaria, il brand si ritrova a fare i conti con una perdita di credibilità e fiducia da parte degli utenti che hanno deciso di investire ben 800 euro per un dispositivo che, al momento, non sembra giustificarli. La domanda da porsi è: una volta sul mercato, il Note 7 riuscirà ancora a conquistare gli utenti?

18 Commenti

Commenta la notizia:
  • Jessica, ci sono state altre esplosioni oppure il computo è sempre quello ? Perché se aumento allora ci preoccupiamo altrimenti no. Poi al momento dell'acquisto, se lo acquisto anche se non credo, vediamo

  • dopo 3 anni di s5 son ritornato al brand xiaomi,stavolta staremo a vedere come si comporta lo xiaomi mi5,SnapDragon 820 Kryo Quad Core 2.15 -4 gb ram+128 gb rom,versione 3D ceramic €370,meno della metà di un samsung

  • No... Con un minimo di pazienza capodanno non è poi cosi lontano... ;)

  • Diciamo che in passato cose simili sono successe anche ad Apple. Spero che si possa porre rimedio il prima possibile e che non si arrechino disagi ai clienti. Con un costo così basso per le sostituzioni non ci saranno danni economici per l'azienda ma potrebbero esserci danni d'immagine che andranno comunque risolti facendo più attenzione in futuro

  • É una notizia che fatico a credere certo non è così improbabile ma in caso sia più frequente questa situazione è davvero grave, ho in mente one plus3 a questo punto mi sa che abbandonerò la serie note

    • Se posso consigliarti attendi un po' prima della decisione. Se ho capito bene si tratta di un piccolo numero di unità

  • Lo hanno sempre detto tutti che sto telefono era una bomba. :-)

  • Wow e a pensare a quanti lo volevano chi lo a già comprato che fa lo butta dal balcone

  • Scusate, ma..... HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAA !!!!

    • Finché nessuno si fa male ci possiamo scherzare su, del resto tutti gli oggetti possono fare male, specie quelli alimentati a corrente

      • Infatti, era solo una risata mista tra la soddisfazione e l'ironia. Soddisfazione perché trovo assurdo che i grandi marchi nel prezzo dello smartphone ci mettiamo una buona fetta per pagare il marchio stesso. E poi succedono ste cose ...

      • Non è affatto strano che occasionalmente succedano cose di questo tipo; le aziende lavorano per il lucro, solo ed esclusivamente per il lucro; ti fanno credere che ti danno un servizio, insieme ad un prodotto straordinario, poi costruiscono o in economia (dove il costo della vita equivale ad un decimo nostro) e/o a prezzi maggiorati (sapendo esattamente quanto l'acquirente medio sia fesso e disposto a spendere); poi ci rientrano anche difetti nati in fabbrica per mille mila motivi; le componenti sono molto sofisticate e composte da miriadi di materiali e parti, quindi non tutte le ciambelle, i lotti, riescono con il buco e basta che ne sfugga uno al controllo di qualità (su controlli a campione) e la frittata è fatta.

  • Grazie mille per la puntuale informazione.
    Serebbe, a questo punto, bene capire dove sono avvenuti questi "inconvenienti" perché, come sai bene, il Note7 ha due diverse CPU a seconda del Paese.
    In ogni caso è una grave defaillance di Samsung anche se, ammesso che il problema venga rapidamente circoscritto e superato, non credo che la % dei possibili acquirenti sia così informato

  • Molto rassicurante per chi lo ha già comprato :)

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK