Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Sessioni di allenamento per Fortnite? Possono insegnare qualcosa

Sessioni di allenamento per Fortnite? Possono insegnare qualcosa

Il successo di Fortnite ha reso la battaglia royale inevitabile quest'anno. I vostri amici ci giocano, e così i vostri bambini, le vostre celebrità preferite, gli atleti e... anche tu sai benissimo di cosa stiamo parlando. Ma per alcuni non è sufficiente giocare. L'obiettivo è primeggiare. Ed è così che nascono gli allenatori professionisti. Ho avuto una sessione di coaching con uno di questi coach per capire cosa effettivamente insegnano su Fortnite e sul mondo delll'esport.

Il fenomeno dei genitori che pagano per le lezioni di Fortnite per i propri figli ha fatto il giro di una serie di titoli sensazionalistici quest'anno. Alcuni punti di vista sono poco lusinghieri: il Wall Street Journal parla di genitori ansiosi preoccupati che la serie di sconfitte dei figli a Fortnite li portasse ad avere problemi a livello sociale a scuola.

Ovviamente la copertura sensazionalistica "pensa ai bambini" raramente dipinge un'immagine accurata, così ho colto l'occasione per avere un'esperienza pratica con Fortnite che me ne ha dato la possibilità. Recentemente, all'EGX game expo di Berlino, mi sono seduto per una breve sessione di coaching e per una chiacchierata con Chris AKA chriZplosion, un tutor pro di Fortnite su GamerLegion, un servizio online per prenotare allenatori per una serie di giochi diversi, tra cui Rocket League, League of Leggende e World of Tanks. Ecco cosa ho imparato.

Ho giocato a Fortnite nel modo sbagliato sbagliato... oops

Beh, prima di tutto non posso escludere che Chris sia bravo nel suo lavoro e in realtà ho imparato molto su Fortnite. Mi piace Fortnite, ma non posso affermare di essere bravissimo nel gioco. Per fortuna i miei giorni di scuola media sono ormai lontani. Non rimango a bocca aperta quando si tratta di giochi di tiro, ma questo è parte del problema. Giocavo a Fortnite come ad uno sparatutto quando in realtà è anche un gioco di crafting. In realtà è principalmente un gioco di crafting, secondo il mio allenatore.

Screenshot 20180904 110047 Fortnite
Sparare non è tutto in Fortnite. / © AndroidPIT (screenshot)

"Fortnite è in realtà per il 70% costruzione", afferma Chris, quando abbiamo eseguito l'accesso alla modalità di gioco di Fortnite per esercitarsi. Dato che ho giocato a Fortnite principalmente su Android ed i controlli touchscreen non sono l'ideale, ho trascurato il fatto di essere un po' goffo e impacciato e mi sono concentrato sul nascondersi, andare alla ricerca di cibo e sparare. 

Ma la nostra sessione di formazione era su PC e i tasti di scelta rapida per la tastiera per il posizionamento dei materiali da costruzione rendono tutto più semplice e veloce. Chris si è concentrato sull'insegnarmi i fondamenti della costruzione di una semplice rampa, fino a una fortificazione a torre con finestre e porte. Ci sono voluti alcuni tentativi ed errori ma alla fine della sessione riuscivo a tirare fuori strutture di legno come per magia.

Screenshot 20180903 183216 Fortnite
Costruire su un touchscreen è ancora più complicato. / © AndroidPIT (screenshot)

Dopo che i miei muscoli si sono abituati, ho trovato l'approccio non troppo diverso da quello utilizzato in altre discipline nel corso della mia vita, dall'atletica, all'insegnamento di uno strumento musicale, alle arti marziali. Chris è stato chiaro, paziente, incoraggiante e sempre pronto a sottolineare perché ogni passo fosse importante e cosa imparare dagli errori. Ha spiegato che dopo una prima sessione prepara persino un piano di allenamento per gli studenti da seguire e praticare per la sessione successiva.

Un coach per Fortnite ha quindi dei vantaggi? Ovviamente, come in ogni disciplina, la qualità degli insegnanti e la "chimica" tra loro e gli stili di apprendimento e insegnamento variano. Di certo sono uscito dalla sessione con delle abilità che prima non avevo. Detto questo, mentre non penso di essere pronto a dedicarmi a delle lezioni di Fortnite, mi ha incuriosito capire che tipo di persone sono questi coach dedicati e chi può realmente diventare un allenatore. 

Ci sono abilità trasferibili

Parlando di esport mi sono sempre posto delle domande sulla vulnerabilità di dipendere da un gioco che è fatto, gestito e posseduto da una compagnia (la stessa compagnia che di solito esegue e trasmette anche i campionati di esport). A differenza di scacchi o pallacanestro, questa compagnia può, in teoria, staccare la spina dal vostro sostentamento, chiudere i server e addio Fortnite, League of Legends ecc.

Ma proprio come abilità mentali e fisiche possono aiutare in uno sport, lo stesso si applica agli esport. Chris spiega di essere stato un giocatore professionista per diversi anni in Blizzard MOBA Heroes of the Storm prima di passare a Fortnite e di aver scoperto un certo talento anche in questo gioco.

Dopo tutto, Fortnite non è l'unico gioco in città. GamerLegion offre anche coaching in titoli popolari come Rocket League, PUBG, Counter-Strike Go, League of Legends, Hearthstone e altri ancora. Quando Chris ha scoperto il suo talento per Fortnite, non aveva idea che sarebbe diventato il più grande fenomeno di gioco degli ultimi anni. Buono per gli affari, ma anche se qualcosa dovesse andare storto con Fortnite ci sono altri titoli che hanno bisogno di buoni allenatori. "Il coaching (per gli eSport) esiste da molto tempo: Fortnite ha una grande base di giocatori in questo momento, ma noi insegniamo anche altri giochi".

Sono abbastanza esperto con i videogiochi per sapere che padroneggiare un gioco insegna che una capacità di problem-solving può essere utilizzata anche al di fuori del mondo degli sport digitali. Anche se saper giocare a Fortnite non risalta come una capacità extracurricolare universitaria, non va comunque sottovalutata dal momento che sport e giochi sono sempre più comuni e accettati che, in futuro, potrebbero essere considerati per lo sforzo e l'abilità coinvolti nell'apprendimento e nella padronanza del gioco stesso, ad esempio.

Non che mi definirò mai un "maestro" di Fortnite. E sapete perché? Sono troppo vecchio.

Quanto conta l'età in questo settore?

Uno dei motivi per cui non sarò mai una superstar di Fortnite si riduce semplicemente all'età. In molti sport professionistici, come il calcio, l'età della pensione arriva già tra i 25 ed i 30 anni mentre l'allenamento delle giovani generazioni è un'opzione per gli ex-professionisti.

Forse non vi aspettereste lo stesso nel caso di esport o giochi meno impegnativi dal punto di vista fisico ma, in realtà, la tendenza è esattamente la stessa. A 28 anni Chris si considera troppo vecchio per competere con i giocatori professionisti. Immaginate come mi possa sentire io a 31 anni. Insomma, Ninja non ha nulla da temere da un veterano come1

ninja espn magazine cover
La superstar di Fortnite Ninja sulla copertina della rivista ESPN. / © ESPN

Solo perché i riflessi rallentano? Non proprio. Come Chris spiega, dipende dai livelli di energia del corpo. Si è dedicato al coaching superata la ventina perché sapeva di avere a disposizione solo qualche anno per la vera competizione.

"Ogni persona è diversa, non si tratta di velocità nella mano, è più la velocità nella testa, la rapidità nel pensare. A 28 anni so che se non dormo bene e non mangio bene è un problema: quando avevo 14 anni avrei potuto non dormire per due giorni e avere ancora tanta energia ". 

Una dolorosa verità che conosco fin troppo bene. La celebrità non è per me. Ma gli studenti di Chris non sono necessariamente adolescenti iper-competitivi che puntano alla gloria. "Ho studenti che hanno 44 anni e studenti di 12 o ventenni, faccio persino coaching padre-figlio, di solito i clienti a lungo termine sono un po' più grandi, hanno soldi, i più giovani di solito vanno per 2 o 3 sessioni, molti dei più grandi vogliono solo stare al passo con i figli, questa è una grande cosa " .

Sono troppo vecchio per diventare un professionista e difficilmente riuscirò a persuadere mio padre ad unirsi al mio team ma posso dire che sono uscito da questa sessione di allenamento un po' più saggio in merito a Fortnite e esport. La competizione in questo tipo di giochi sta ottenendo sempre più attenzione (e investimenti) e come veterano delle feste LAN degli anni '90 che intravedono lo sviluppo di una nuova era, non posso fare a meno di augurare il meglio a tutti gli allenatori e tirocinanti, sia che puntino alla gloria o al puro divertimento.

Cosa ne pensate delle sessioni di allenamento legate ai videogiochi? Le prendereste in considerazione?

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica