Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
7 min per leggere 14 Condivisioni Nessun commento

6 cose che non puoi fare con un Galaxy S6 Edge

Il Samsung Galaxy S6 Edge è senza dubbio un dispositivo innovativo, sia nel design che nelle funzioni, uno dei migliori top di gamma Android mai visti prima. Ma pensate davvero che il primo smartphone al mondo dotato di display curvo su entrambi i lati sia perfetto? In questo articolo vi vogliamo mostrare 6 cose che non potete fare con un Galaxy S6 Edge!

IMGL7251 2
Ecco 6 cose che non potete fare con un Samsung Galaxy S6 Edge! / © ANDROIDPIT

Non si fa altro che parlare dell'S6 Edge, del suo design futuristico, del reattivo sensore d'impronte digitali e della prestante fotocamera in grado, finalmente, di competere con quella offerta dall'iPhone 6. Ma è possibile che questo nuovo gioiellino riesca a fare qualsiasi cosa al meglio, melanzane alla parmigiana e caffè esclusi? 

Dopo avervi, negli articoli precedenti, illuminato sulle potenzialità di questo smartphone, oggi abbiamo deciso di mostrarvi alcune funzionalità o caratteristiche che l'S6 Edge non è in grado di offrire e che avrebbero potuto trasformarlo in un dispositivo senza eguali.

1. Ricarica rapida a schermo spento

Di fronte all'irrisolvibile problema di una batteria capace di garantire due giorni di autonomia sotto un utilizzo intensivo del dispositivo, la soluzione al momento più funzionale trovata da Samsung per il suo S6 Edge è stata quella di introdurre un sistema di ricarica rapida grazie al quale è possibile ottenere il 100% di carica in un'ora. Il caricabatteria ultraveloce e la tecnologia di ricarica wireless Qi, nonostante non siano in grado di influenzare l'autonomia della batteria, incrementano notevolmente i tempi di caricamento.

samsung galaxy s6 software
Il futuristico caricabatteria wireless! / © ANDROIDPIT

C'è però un dettaglio che non tutti conoscono: l'S6 Edge non può sfruttare la tecnologia di ricarica rapida a schermo acceso. Per caricare in modo veloce il dispositivo dovrete necessariamente disattivare il display e fare attenzione che il dispositivo non si surriscaldi perchè, in tal caso, la velocità di carica potrebbe ridursi automaticamente.

2. Avere sempre la migliore rete WIFI e mobile a disposizione

In questi giorni abbiamo avuto modo di conoscere qualche dettaglio in più su Project Fi, la nuova trovata di Google che indossa le vesti di operatore mobile virtuale per fornire ai propri utenti la migliore connessione WIFI e/o 4G disponibile. Un servizio, purtroppo non ancora disponibile in Europa, in grado di rivoluzionare la comunicazione mobile. Ma cosa c'entra Google Fi con il Galaxy S6 Edge?

Ci sono altri modi per avere sempre a disposizione la migliore connessione WIFI o mobile, e Huawei, nel suo nuovo P8, è riuscito ad implementare questa funzione. Il processore Kirin 930 del top di gamma cinese è stato progettato con l'obiettivo di ottimizzare il networking e, attraverso una funzione che si attiva direttamente dal menu delle impostazioni, è possibile calcolare la velocità delle reti mobili e WIFI circostanti per poter selezionare la migliore.

huawei p8 display
Il Huawei P8 ottimizza la connettività calcolando la velocità delle reti WIFI e mobili circostanti! / © ANDROIDPIT

Una funzione davvero interessante che permette di passare da una rete all'altra a seconda della velocità e della stabilità delle reti circostanti. Peccato che il brand sudcoreano non abbia pensato di implementare una simile feature nel suo Galaxy S6 Edge.

3. Lanciare un'app da schermo spento

Una delle caratteristiche più interessanti che i dispositivi Android sono in grado di offrire è quella di accedere a determinate funzioni a schermo spento sfruttando alcuni semplici gesti. Anche l'S6 Edge offre, nella sezione Movimenti e controlli del menu delle impostazioni la possibilità di chiamare portando il dispositivo all'orecchio, notifiche intelligenti non appena si prende in mano lo smartphone e la disattivazione della suoneria per le chiamate in arrivo capovolgendo il terminale. Tutte queste funzioni con gesti necessitano però dello schermo attivo.

20141216 IMGL5096
Basta un gesto per aprire le app da schermo spento, ma solo su Oppo! / © ANDROIDPIT

Con alcuni dispositivi, come per esempio l'Oppo R5, l'Oppo Find 7, l'HTC One M8 e l'M9, è possibile lanciare determinate app, aprire il lettore MP3 e attivare la torcia semplicemente disegnando un simbolo sullo schermo spento. Un modo pratico e veloce che permette di entrare nel vivo delle funzionalità del dispositivo senza dover perdere tempo ad attivare lo schermo. Peccato che l'S6 Edge, sotto questo punto di vista, sia piuttosto limitato.

4. Rimuovere la batteria

Quello della batteria removibile è un tema che divide tanti utenti: meglio un elegante unibody metallico o una batteria estraibile? I vantaggi di una batteria rimovibile sono tanti, soprattutto quando ci si ritrova davanti a batterie inaspettatamente "gonfiabili". Poter sostituire manualmente la batteria senza doversi rivolgere ad un tecnico autorizzato è un grosso vantaggio e, nonostante i passi da gigante che la tecnologia mobile sta facendo in tal senso, neanche le batterie dei più recenti top di gamma sono così ottimizzate da poterci far dormire sonni tranquilli per qualche anno.

IMGL8955
Con il Samsung galaxy S6 Edge dovrete per forza contattare l'assistenza tecnica! / © ANDROIDPIT

Una batteria removibile si traduce in una maggiore flessibilità, in un'opportunità aggiuntiva di salvare lo smartphone anche quando dopo qualche anno di utilizzo inzia a dare segni di cedimento. La carica veloce può risolvere parzialmente il problema ma non si può pensare di stare continuamente attaccati ad una presa di corrente, anche se solo per pochi minuti!

Va però detto che i dispositivi che integrano la batteria all'interno della scocca posteriore sono generalmente più resistenti ed impermeabili. Non è però questo il caso dellìS6 Edge, che non offre nessuna certificazione IP. Speriamo che Samsung ci permetterà di buttare dentro la lavatrice il suo prossimo top di gamma proprio come abbiamo fatto con il Sony Xperia Z3.

5. Farvi leggere le notizie al mattino da Siri

Chi di voi non ha mai sognato di avere sul proprio Android un'assistente personale virtuale ed intelligente in grado di fare tutto, o quasi, al posto vostro? Apple, sotto questo punto di vista, ha aperto un mondo ai suoi utenti più pigri (se scegli un iPhone piuttosto che un Android non hai certo intenzione di perdere tempo a smanettare sul tuo smartphone) permettendo loro di chiedere direttamente a Siri di avviare una chiamata, trovare il negozio Samsung più vicino, navigare sul web, leggere le news al mattino, e via così. 

AndroidPIT Assistente app teaser
Quali app sono in grado di riampiazzare Google Now?/ © ANDROIDPIT

Con questo non vogliamo certo dire che Apple è in qualche modo superiore ad Android ma riconosciamo l'inferiorità dell'assistente virtuale preinstallato sull'S6 Edge, S Voice, che permette di chiamare, messaggiare e rispondere ad alcune delle nostre domande, anche le più assurde, ma non può ancora competere con Siri. Ovviamente è possibile ovviare a questa mancanza affidandosi a Google Now o a uno dei 5 migliori assistenti virtuali presenti sul Play Store.  

6. Rootare lo smartphone senza perdere la garanzia

Se siete degli smanettoni avrete già pensato di ottenere, presto, i permessi di root anche sul vostro nuovo Samsung Galaxy S6 Edge. Rootando il dispositivo potrete infatti accedere a nuove app, modificare i file di sistema, gestire al meglio il governor della CPU, installare nuove custom ROM e personalizzare sotto ogni aspetto lo smartphone. I vantaggi di rootare il Galaxy S6 Edge sono davvero tanti...ma siete davvero pronti a rinunciare alla garanzia dopo aver speso fior fior di quattrini per mettervelo in tasca?

AndroidPIT samsung galaxy note 3 recovery mode
Con Lollipop non è più possibile rootare i dispositivi Samsung mantenendo la garanzia! / © ANDROIDPIT

Rootando il vostro Galaxy S6 Edge entrerà subito in azione il sistema di protezione KNOX che manderà all'aria la garanzia. Se, prima dell'arrivo di Lollipop, era possibile ottenere i permessi di root anche sui dispositivi Samsung senza dover necessariamente dover rinunciare alla garanzia, con Lollipop Google ha deciso di cambiare le carte in tavole e, fino ad ora, non sono disponibili metodi di root che riescano a superare questa barriera.

Conclusione

Anche il Samsung Galaxy S6 Edge ha degli aspetti e delle funzionalità che possono essere migliorate o introdotte per riuscire a garantire un esperienza utente ancora più completa rispetto a quella che già offre. Ci troviamo davanti un dispositivo davvero interessante, innovativo e funzionale che, offrendo i 6 servizi sopra citati, potrebbe davvero scardinare qualsiasi altro smartphone sotto qualsiasi aspetto. Certo è che, se il nuovo top di gamma Samsung avesse implementato anche queste funzioni, il suo prezzo sarebbe probabilmente salito ancora. Che senso ha produrre un dispositivo super funzionale se poi in pochi se lo possono permettere?

Nessun commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK