Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
1 Condivisione 6 Commenti

Dimenticatevi dei Nexus, Google si prepara a presentare Pixel e Pixel XL

Da tempo ormai si vocifera circa la volontà di Google di porre fine alla linea Nexus. I rumors precedentemente trapelati sembrano essere stati confermati da alcune fonti attendibili secondo cui i nuovi dispositivi di Google prenderanno il nome di Pixel e Pixel XL.

androidpit Nexus 6 vs Nexus 6P 7
Pixel e Pixel XL: saranno questi i nomi dei nuovi dispositivi di Google? / © ANDROIDPIT

La notizia non è stata confermata da Google quindi non può essere considerata ufficiale ma crescono gli indizi che portano tutti nella stessa direzione: il marchio Nexus verrà sostituito dal nuovo marchio Pixel. Secondo quanto riportato da Android Police, il Sailfish verrà battezzato Pixel mentre il Marlin prenderà il nome di Pixel XL visto il suo più ampio display di 5,5 pollici.

Sembra inoltre che il Pixel ed il Pixel XL verranno pubblicizzati come i primi smartphone realizzati da Google. Che fine ha fatto HTC? Difficile pensare che i nuovi smartphone in arrivo a breve siano stati realizzati solo ed esclusivamente da Big G ma, probabilmente, non mostreranno il marchio del brand taiwanese in bella vista.

Sarà Pixel il nuovo marchio utilizzato da Google per i suoi dispositivi

I Nexus hanno sempre rappresentato quella gamma di smartphone capace di offrire un'esperieza software pura. Se fino allo scorso anno le nuove versioni software sono state presentate in concomitaznza con il rilascio dei nuovi dispositivi di Google, quest'anno i due eventi sono stati gestiti indipendentemente l'uno dall'altro. Un dettaglio da non sottovalutare.

Difficile al momento capire cosa stia effettivamente accadendo ai piani alti di Mountain View. Ci rincuora sapere che i due nuovi ed attesi Sailfish e Marlin, Nexus o Pixel che siano, dovrebbero essere presentati il prossimo 4 ottobre. Nel frattempo siamo certi che nuovi pezzi di questo misterioso puzzle compariranno a breve.

Voi cosa vi aspettate da Google? 

6 Commenti

Commenta la notizia:
  • Attualmente HTC ha una capitalizzazione inferiore ai 2 miliardi di euro ed il titolo è in continua discesa alla borsa di Taiwan. Il problema posto dalla fonte però credo che non sussista perché se anche Google cambiasse nome alla sua linea, la novità non sarebbe il nome ma il dispositivo. Se lo fa realizzare sempre ad un costruttore, cosa che io credo, ed in cambio di qualche milione in valuta forte in più, questo costruttore accetta di non mettere il suo marchio oppure di metterlo in piccolo e nascosto, allora la novità non c'è tanto, si tratterebbe di un prodotto realizzato comunque da un'altra azienda per Google e non di uno smartphone di Google realizzato da Google. Certo è vero che Google ha tutte le potenzialità per farlo ma penso che per essere pronto ad una sfida di questo tipo, debba prima prepararsi e non basta cambiare nome alla linea per dire che l'hanno costruito loro

    • Analisi trasversale tra tecnologia ed economia. In ogni caso avevi ragione, Google cambia nome ma non cambia il principio con cui costruisce, anzi con cui commissione gli smartphone

  • Le informazioni su questo argomento sono effettivamente talmente strane che ogni ipotesi può essere valida o rivelarsi una bufala.
    Ma...e se Google si comprasse HTC (che, peraltro, non se la passa bene)?

    • Finora non ci sono OPA ma tutto sommato potrebbe essere sempre che il governo cinese, come spesso fa, non se ne infischi della concorrenza e del libero mercato e non ci si metta di mezzo. Anche se attualmente è una cosa improbabile

  • Io mi aspetto semplicemente che i prezzi tornino ad essere quelli di una volta, visto che di lavoro software non ne è stato fatto ad eccezione della versione Vanilla pura (vedi Samsung che cambia praticamente android in touchwiz, che sembra più Tizen UI che android)

  • Cosa mi aspetto da Google? Veramente niente e penso proprio che non cadrò mai più su questa ditta, dato che il mio primo tablet - Nexus 7 2012 - giace ormai inutilizzabile da quando è stato scaricato (pressoché automaticamente) l'aggiornamento a Lollipop e non ho avuto nessuna assistenza per poter ritornare alla vecchia versione Android che funzionava benissimo. La risposta è stata che dopo due anni era ora di cambiare tablet, cosa che in effetti ho fatto passando a Samsung.

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK