Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

L'intelligenza artificiale è ora in grado di creare miscele di whisky

L'intelligenza artificiale è ora in grado di creare miscele di whisky

La distilleria svedese Mackmyra ha deciso di utilizzare l'intelligenza artificiale per creare il proprio whisky. Gli svedesi, che hanno collaborato con Microsoft, assicurano che il posto di lavoro dei loro dipendenti non è in pericolo.

Quando il whisky viene distillato, è prima di tutto un alcool chiaro chiamato white dog. A volte, anche se disponibile in bottiglia, non può comunque essere venduto sul suolo europeo, poiché deve essere conservato per almeno tre anni prima di poter essere chiamato Whisky. Viene dunque conservato in botti di legno, che, oltre a tutti gli ingredienti, sono responsabili delle caratteristiche del prodotto.

Spesso si mescolano whisky diversi per creare una cosiddetta miscela. Questo è il compito del master blender. Tuttavia, la distilleria svedese Mackmyra ha deciso di testare i servizi di Microsoft Cloud Azure e AI Cognitive Services per creare nuove miscele. Tutte le ricette esistenti sono state rese disponibili all'IA, così come i dati di vendita e le informazioni sulle preferenze dei clienti.

Whiskey black Mackmyra microsoft 01
"Volevamo che l'AI sviluppasse una ricetta esclusivamente per per vincere dei premi" / © Microsoft

Da questi dati, l'AI è stata in grado di creare oltre 70 milioni di ricette che, secondo i calcoli, potrebbero diventare molto popolari. L'AI è anche in grado di tenere conto dei tipi di barili in stock per miscelare un whisky di alta qualità.

Secondo Mackmyra, questo non solo permette un processo più veloce rispetto a quello manuale, ma sarà anche in grado di trovare combinazioni impossibili da pensare. Tuttavia, l'AI non è destinata a sostituire i Master Blender dell'azienda. Le capacità sensoriali degli esseri umani non possono infatti essere replicate da un'intelligenza artificiale, motivo per cui il whisky generato dall'AI dovrà sempre essere curato da un essere umano.

Tale whisky, ancora senza nome, dovrebbe arrivare sul mercato nell'autunno di quest'anno e rappresenterebbe soltanto l'inizio.

Fonte: Microsoft

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
[Error]