Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
3 min per leggere 1 Commento

La rivoluzione smartphone Motorola parte martedì prossimo

Screenshot dal teaser: Motorola ha fatto molte promesse / (c) Motorola

Martedì prossimo Motorola tornerà alla ribalta. La casa americana presenterà infatti a Londra un nuovo smartphone sviluppato in partnership con Intel. E tra gli addetti ai lavori c'è grande attesa, perché è chiaro che questo nuovo smartphone potrebbe rappresentare qualcosa di straordinariamente innovativo.

Un breve video promozionale fatto circolare giorni fa promette molto bene: in poche sequenze dal montaggio veloce e in mezzo a una serie di immagini in movimento, sono state fatte anche molte promesse riguardo le specifiche di questo nuovo smartphone. Velocità e potenza straordinarie e display senza bordi, che uniti ad altri rumours circolati sul dispositivo non hanno fatto che aumentare l'attesa per la presentazione ufficiale.

Ma l'aspetto più interessante del progetto resta senza dubbio l'integrazione del processore Intel in un dispositivo Android, che apre nuovi orizzonti e scenari allo sviluppo tecnologico. Intel è infatti uno dei maggiori produttori mondiali di microchip, ed ha dominato il mercato del settore per anni. Con l'avvento della rivoluzione della tecnologia mobile però, Intel ha dovuto fare i conti con un cambiamento radicale del settore e dei concorrenti. La casa britannica ARM si è infatti imposta come leader sui dispositivi mobili per le sue caratteristiche orientate al risparmio energetico, cedendo le proprie licenze a società leader come Qualcomm e Nvidia. Ogni tentativo di Intel di rimettersi al passo con la concorrenza nella tecnologia mobile è per ora stato respinto.

Già un anno fa, Andy Rubin ed il presidente di Intel Paul Otellini erano saliti sul palco dell'Intel Developer Forum 2011 per presentare uno smartphone Android. Da allora però nessuna novità di rilievo, salvo alcuni prototipi di Android con architettura Intel destinati però solo allo studio e alla sperimentazione. Aziende cdome HTC e Samsung si sono affidate stabilmente alla tecnologia ARM, che al momento appare più adatta alla tecnologia mobile, nonostante i molti milioni di dollari investiti da Intel nei programmi di sviluppo.

Fino all'ultimo tentativo, che potrebbe essere davvero quello buono:

 

Sì, perché dietro a Motorola c'è ovviamente un'azienda più grande: Google, che in qualità di sviluppatore di Android decide di mettersi in società con Intel per lanciare una nuova tipologia di smartphone sul mercato. Per questo motivo, la presentazione di martedì si annuncia in pompa magna. Non solo: essendo la presentazione organizzata a Londra, non può che significare che il nuovo Motorola sarà da subito disponibile in Europa.

Cosa dobbiamo aspettarci? Sicuramente uno smartphone di fascia alta, le cui specifiche tecniche sono ancora in gran parte sconosciute, ma che potrebbe essere qualcosa di molto diverso dai concorrenti tuttora presenti sul mercato. Il mistero verrà svelato solo martedì, e noi di AndroidPIT seguiremo per voi la cerimonia in diretta, pronti ad offrirvi le nostre impressioni di prima mano direttamente da Londra.

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK