Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
11 Condivisioni 9 Commenti

Galaxy Note 7: problemi di surriscaldamento sulle unità sostituite

Eccoci qui per una nuova puntata dedicata al Samsung Galaxy Note 7. Il brand ha iniziato a distribuire le unità sostituite ai propri utenti sudcoreani ma, purtroppo, sembra che i dispositivi non stiano funzionando come dovrebbero.

Evidenzia le modifiche recenti

AndroidPIT samsung galaxy note 7 review 7515
Nuovi problemi per il Note 7.../ © AndroidPIT

Il problema legato alla batteria dei Note 7 non è certo passato inosservato vista la notorietà non solo del brand, ma dell'intera linea Note. L'azienda sudcoreana, per tutelare la sicurezza dei propri utenti e risolvere il problema, ha richiamato le unità rilasciate sul mercato invitando tutti gli utenti in possesso di un Note 7 a sostituirlo seguendo le indicazioni specificate sul proprio sito ufficiale.

Se i Note 7 riparati dovrebbero tornare in commercio sul mercato europeo il 28 ottobre, in Corea del Sud e negli Stati Uniti il brand ha già iniziato a consegnare le unità riparate. Purtroppo però alcuni utenti hanno lamentano alcuni problemi di surriscaldamento e di prestazioni legate ancora una volta alla batteria. Sì, è ancora lei la protagonista di questa storia che, secondo quanto riportato dal The Wall Street Journal, si scarica perfino mentre è in carica.

Se fino a qualche giorno fa i problemi sembravano riguardare solamente il mercato sudcoreano, ora il giornale newyorkese ha riportato di malfunzionamenti anche su alcuni dispositivi sotituiti negli Stati Uniti. Il circolo continua: Samsung ha ammesso che alcune di queste unità sono effettivamente difettose e che sarà pronta a sostituirle. Si parla sempre di problemi di surriscaldamento e della batteria che tende a scaricari durante il processo di carica.

In una nota la casa sudcoreana ha anche voluto rassicurare i propri utenti sul fatto che i device sostituiti "non devono preoccupare del punto di vista della sicurezza" e che "in condizioni di normalità tutti gli smartphone possono riportare delle variazioni di temperatura". Pare che però Samsung, in questo incubo senza fine, si stia prendendo cura di ogni cliente quasi ad personam.

AndroidPIT samsung galaxy note7 001
L'incubo infino della linea Note! / © AndroidPIT

Finora non sappiamo quante unità abbiano riportato questi problemi ma qualche giorno fa un rappresentate di Samsung aveva dichiarato che il problema riguardava casi isolati. 

Non ci resta che rimanere in ascolto per scoprire come andrà a finire questa scottante questione che, ahimé, non sembra ancora essersi risolta del tutto!

9 Commenti

Commenta la notizia:
  • E già pensano al s8

  • Cioè ha sempre diffetti

  • Il motivo perche non compro più telefoni samsung

  • Sono certo, ma proprio arcisicuro che in Samsung stiano saltando parecchie sedie e poltrone, giustamente.
    Com'è che diceva mio nonno Dante? Ah, sì: errare umanum est, perseverare "diabolicum".
    Questo è un fatto molto grave perché dà l'immagine di un'azienda superficiale. Potrebbe anche fare i migliori telefoni, ma se a te capita quello con problemi? Credo che Samsung perderà molti possibili acquirenti fra gli addetti ai lavori e le persone informate

  • L'unica cosa che mi è venuta in mente leggendo l'articolo è: Samsung si fa sempre notare per volere superare i propri limiti in modo troppo eccessivo, per farsi notare alla fine in maniera negativa...

  • Forse dovrebbero fare un nuovo modello tempestivamente, magari riprogettando solo le parti che procurano questi problemi

  • E insomma, con sto smartphone non trovano pace alla Samsung. :-D

    • Jessica Murgia
      • Admin
      • Staff
      2 mesi fa Link al commento

      Già :( Speriamo si tratti davvero di pochi casi isolati...

      • Sono cose che ogni tanto capitano a tutti però adesso forse hanno voluto strafare, spero per loro che riparino davvero e ripartano. Certo però un giornale americano che parla dei difetti del maggior concorrente di un'azienda californiana potrebbe essere, senza dire che lo sia necessariamente, una specie di protezionismo dell'economia made in Usa. Chissà perché i nostri quotidiani finiscono per non fare lo stesso con i nostri prodotti nemmeno quando sono palesemente migliori dei concorrenti

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK