Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

2 min per leggere Nessun commento

Questo dispositivo avvisa i servizi di emergenza in caso di overdose di droga

Sul mercato si trovano sempre più gadget connessi dedicati al settore sanitario. I fitness tracker sono stati i primi ad occupare questa fetta di mercato e, ad oggi, gli smartwatch si arricchiscono ogni giorno di funzionalità sempre più complesse, come l'Apple Watch Series 4. In futuro, alcuni oggetti potrebbero andare oltre: ad esempio, un prototipo attualmente in fase di sperimentazione permetterebbe di combattere l'overdose e allertare i servizi di emergenza in caso di pericolo.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, l'aspettativa di vita non è più necessariamente in aumento in alcuni paesi sviluppati. Peggio ancora, tenderebbe addirittura a diminuire! Questo è il caso degli Stati Uniti, secondo i due studi pubblicati sul British Medical Journal. Uno dei motivi è l'aumento dell'assunzione di droga, causa principale dell'aumento della mortalità. Oltre alle devastazioni dovute alle droghe, c'è anche la dipendenza da oppioidi, farmaci per il dolore simili alla morfina.

L'idea di un oggetto smart in grado di salvare vite umane in caso di overdose non è quindi del tutto folle. Un team dell'Istituto di Ricerca Software della Carnegie Mellon University ha sviluppato un dispositivo indossabile in grado di rilevare un'overdose e di inviare automaticamente un allarme all'assistenza medica.

"Il problema delle morti per overdose di oppioidi è che non rimane molto tempo per poter salvare il paziente", spiega Puneetha Ramachandra, una studentessa che lavora al progetto, "Il nostro dispositivo risolve questo problema monitorando costantemente la salute dell'utente. In caso di sovradosaggio, chiede immediatamente aiuto attivando un allarme e contattando il contatto di emergenza".

Secondo i nostri colleghi di Digital Trends, per il momento il dispositivo sembrerebbe uno smartwatch. Per operare, si utilizzerebbe la pulsossimetria, un metodo non invasivo per monitorare il livello di saturazione di ossigeno di una persona. Infatti, in caso di sovradosaggio, la quantità di ossigeno nel sangue diminuisce. Se si abbassa per più di 30 secondi, l'indossabile invia un messaggio di avviso, ma ora resta da vedere se questa caratteristica rimarrà un esclusiva per un dispositivo medico o potranno accedervi tutti i popolari smartwatch.

Cosa ne pensate di questa splendida idea?

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Articoli consigliati