Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
Rivelazioni di Heise sollevano dubbi sulla riservatezza di Alexa
Hardware Smart Home Amazon 3 min per leggere Nessun commento

Rivelazioni di Heise sollevano dubbi sulla riservatezza di Alexa

A causa di un "errore umano" Amazon ha spedito alcune registrazioni vocali ad un utente. Poiché questo non aveva mai utilizzato Alexa o un dispositivo Echo, le 1700 registrazioni devono appartenere per forza ad un utente Amazon a lui sconosciuto. Questo è esattamente ciò che la redazione di Heise ha riportato.

Dopo che diverse indagini hanno dimostrato che i dispositivi Echo di Amazon non trasmettono segretamente alcuna informazione, un nuovo problema riguardo la privacy dei dati sta iniziando a verificarsi nel cloud di Amazon. L'utente A voleva scaricare i suoi dati da Amazon secondo il suo diritto dato dalla GDPR e ha ricevuto delle registrazioni vocali dell'utente B. Questo non è solo un errore tecnico, ma una chiara violazione della fiducia.

Nessuno sa quante volte sia successo. In questo caso, l'utente interessato A ha contattato non solo Amazon, ma anche la redazione di Heise. Amazon non ha risposto e ha invece rimosso il link per il download dei dati utente. La redazione ha identificato l'utente B attraverso le registrazioni fatte dall'Echo e la trascrizione allegata in PDF per poi contattarlo. Interessante come sia stato facile!

amazon echo 18
Voi vi fidate di Alexa e di Amazon? / © AndroidPIT

Il rapporto di Heise afferma:

"Le registrazioni vocali provengono da aree private inaccessibili agli estranei, ad esempio dal soggiorno, dalla camera da letto e dal bagno. Sulla base del contenuto delle registrazioni, come nomi e domande riguardo al meteo locale, c't ha potuto identificare il proprietario dell'Echo. È caduto dalle nuvole, perché Amazon non lo aveva informato riguardo la perdita dei dati, anche se già ne erano a conoscenza"

Ci sono ancora alcune domande aperte alle quali Amazon dovrà presto rispondere pubblicamente. Come intende monitorare meglio in futuro le procedure di informazione per evitare tali "errori umani"? Ha informato l'autorità competente per la protezione dei dati entro 72 ore?

Lo sfortunato utente B è stato contattato da Amazon.de solo quattro settimane dopo il problema, poco dopo la richiesta di c't. Si dice che abbia ricevuto un'iscrizione gratuita al piano Prime e due ulteriori altoparlanti eco come risarcimento.

amazon echo 02
Un risarcimento sicuramente non adeguato, se chiedete al sottoscritto. / © AndroidPIT

Il riconoscimento vocale non è un gioco

Anche quest'anno gli altoparlanti Echo si troveranno sotto diversi alberi di Natale. Amazon deve mostrare molta più serietà se vuole che i clienti dell'AI Alexa continuino a permettergli di funzionare nelle loro case.

Se volete scaricare i vostri dati dall'account Amazon, potete farlo solamente attraverso il supporto stando alle informazioni nella sezione Aiuto: questo è piuttosto complicato.

Assistenti non commerciali come MycroftOpen Voice dimostrano che gli assistenti vocali di facile utilizzo sono oggetto di ricerca anche al di fuori delle grandi compagnie che trattano dati personali. Forse si affermeranno ancora di più alla luce di queste ultime rivelazioni.

Fonte: Heise

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica