Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione.

3 min per leggere Nessun commento

Note 9: potrebbe arrivare senza la feature più attesa

Mentre attendiamo di vedere S9 e S9+ svelati all'MWC di Barcellona, spuntano fuori nuove indiscrezioni sul phablet della casa sudcoreana, il Note 9. Al contrario di quanto vociferato fino ad ora però, sembra che neanche stavolta vedremo implementato il sensore d'impronte digitali nel display.

Sì, lo so, i riflettori sono ora concentrati su S9 e S9+ ma non possiamo certo far scivolare via silenziosamente le indiscrezioni trapelate sul Note 9. Una delle feature più chiacchierate è il lettore d'impronte digitali implementato nel display. Ci aspettavamo di trovarlo integrato nella nuova generazione di Galaxy S ma no, non ci sarà. Quale se non il Note 9 come miglior candidato per offrire questa feature?

A quanto pare una delle tecnologie più attese dagli utenti non farà la sua comparsa neppure sul Note 9. La triste notizia arriva da The Bell, il noto magazine coreano in contatto con alcune fonti vicine a Samsung Electronics.

AndroidPIT Samsung NOTE 8 GOLD 4391
Anche il Note 9 potrebbe offrire il lettore d'impronte digitali sulla scocca, e non nel display. / © AndroidPIT

Samsung avrebbe accantonato l'idea per questioni di tempo: occorrerebbero altri 4 mesi per poter procedere con l'implementazione del lettore d'impronte sotto il display ma 4 mesi Samsung a disposizione non li ha perché a giugno la produzione dei display per il Note deve iniziare, senza se e senza ma. Il phablet, come da tradizione, dovrebbe arrivare sul mercato nel mese di settembre. Ciò significa che, salvo cambi di programmi, sul Note 9 vedremo il lettore d'impronte digitali sulla scocca come sul Note 8. Deludente, non trovate?

La notizia non è stata confermata dal brand quindi possiamo continuare a sperarci: sarebbe davvero un peccato vedere rimandata ancora l'implementazione di questa tecnologia su cui Samsung lavora da due anni. Ovviamente integrare una tecnologia simile sui display Infinity non è certo una passeggiata e richiede la collaborazione con brand come Qualcomm e Synaptics, per citarne due. Quando i giocatori si moltiplicano, anche le tempistiche non possono che allungarsi ed è necessario prendersi il tempo dovuto per poter offrire agli utenti una feature matura ed utile.

Samsung non è il primo brand a proporre il lettore d'impronte nel display; durante il CES 2018 Vivo ha mostrato un prototipo aprendo così le danze. Ciò non cambia il fatto che gli utenti stiano aspettando di trovarlo integrato su un Galaxy S o su un Note di nuova generazione ma la domanda è: questo tipo di sensore, quanto ottimizzerà l'esperienza utente? Farà davvero la differenza nello sblocco del dispositivo o si tratta ancora una volta di un grosso polverone in nome del marketing?

1 Condivisione

Nessun commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più