Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
5 Condivisioni 3 Commenti

Samsung Gear VR recensione: benvenuti nel mondo reale!

Giratevi a destra, guardate a sinistra, alzate gli occhi al cielo e fate attenzione a cosa succede sotto di voi. Ovunque vi giriate, a 360 gradi, la gente mormora di realtà virtuale e di come sia la tecnologia non più del futuro ma del presente. In questo contesto, Samsung ha realizzato in collaborazione con l'azienda Oculus, specializzata in materia, il nuovo Gear VR, una maschera relativamente economica che permette di vivere Android a 360 gradi. Ecco cosa ci è piaciuto di più di questo gadget tecnologico. 

Valutazione

Pro

  • Leggero e comodo da indossare
  • Relativamente economico
  • Applicazioni esclusive interessanti

Contro

  • Compatibilità limitata
  • Tecnologia ancora in via di sviluppo

Samsung Gear VR – Uscita e prezzo

Se in passato si è parlato di "anno dei tablet" o "anno dei dispositivi indossabili", il 2016 è stato proclamato invece come anno della realtà aumentata. È questo che ha spinto i maggiori produttori mobile ad investire nella creazione di dispositivi VR, ma anche in diversi gadget futuristici connessi disponibili per diverse fasce di prezzo. 

Il catalogo delle maschere dedicate alla realtà aumentate comincia con l'economicissimo Cardboard di Google, disponibile al prezzo di 13,99 euro e compatibile con tantissimi smartphone Android, e termina con l'HTC Vive, il più costoso VR disponibile con la sua etichetta di 899 euro. 

ANDROIDPIT VR glasses 6
Il rivestimento in gomma così come l'elastico di stoffa sono comodi e si adattano perfettamente al viso. / © ANDROIDPIT

Il Samsung Gear VR si posiziona più o meno tra i dispositivi più abbordabili con un prezzo di 125 euro circa. Il problema però è che questo visore è compatibile esclusivamente con gli ultimi top di gamma Samsung, smartphone che costano al momento sui 630 euro. In questo senso, il Gear VR può essere considerato più come un gadget Samsung che altro.

Samsung Gear VR – Design e assemblaggio

Il Samsung Gear VR è realizzato in plastica e si adatta perfettamente intorno alla nostra testa grazie ad un elastico di stoffa regolabile agganciato ai lati. 

Nella parte superiore del visore si trova una rotellina nera che permette di configurare al meglio la messa a fuoco delle lenti, operazione necessaria la prima volta che si indossa il dispositivo. Sulla parte destra invece trovano posto i regolatori del volume, mimetizzati lungo il bordo nero del VR, un touchpad per controllare i contenuti visualizzati sullo smartphone ed un tasto fisico che permette di tornare alla schermata precedente. Purtroppo questo posizionamento dei tasti rende l'utilizzo del Gear VR complicato per i mancini, ma dato il design non sarebbe facile trovare una soluzione al problema. 

Il Gear VR è leggero e comodo da indossare grazie ad un rivestimento in gomma
androidpit samsung gear vr diopter wheel
La rotellina serve a regolare al messa a fuoco. / © ANDROIDPIT

In generale, il passaggio dal touch pad al tasto che permette di tornare indietro tra le schermate risulta macchinoso ed è difficile posizionare l'indice sul touch pad ed il medio sul tasto indietro, ad esempio. 

La parte del dispositivo che aderisce al volto dell'utente è rivestita da una comoda protezione in gomma, che si unisce al dispositivo tramite velcro. Il visore pesa 318 grammi ed indossarlo non richiede alcuno sforzo. 

Samsung Gear VR – Display

Il Gear VR, come probabilmente avrete intuito, non integra un display proprio, ma sfrutta lo schermo di uno degli ultimi arrivati di casa Samsung per mostrare contenuti tridimensionali agli utenti. Considerando le specifiche dei dispositivi supportati da questo visore, la risoluzione sarà sempre di 2560 x 1440 pixel (1280 x 1440 per occhio). La compatibilità del Gear VR si riduce a Galaxy S6, Galaxy S7 ed S7 Edge e Galaxy Note 5. 

Questo gadget futuristico ha fatto praticamente il giro della redazione di AndroidPIT e la reazione iniziale è quasi sempre stata di delusione, perchè le immagini risultavano sfocate. Il problema principale è dato dalle aspettative poco realistiche che gli utenti hanno del dispositivo, ma è anche dovuto al fatto che molte delle applicazioni disponibili su Oculus non sono rese in 2K. 

androidpit samsung gear vr sickness
È lo schermo dello smartphone che mostra i contenuti multimediali. / © ANDROIDPIT

La maggior parte degli occhiali virtuali disponibili sul mercato offrono una risoluzione simile ed una volta che ci si abitua al tipo di riproduzione multimediale e si regola la messa a fuoco al meglio, l'esperienza risulta decisamente interessante. 

Samsung Gear VR – Software

Indossati gli occhialoni per la prima volta, la sensazione d'imbarazzo è immediata. Sicuramente avrete provato una sensazione simile se vi siete mai trovati a parlare con un computer durante una videoconferenza. In ogni caso, una volta superato questo ostacolo iniziale, non è poi troppo difficile abituarsi all'esperienza e godersi la visione tramite Gear VR. 

Una volta connesso lo smartphone al dock frontale ed indossato il visore, si avvierà automaticamente Oculus, app tramite la quale potrete scaricare video, applicazioni e giochi disponibili per Gear VR. 

All'interno dell'app store scoverete diversi titoli conosciuti, tra cui Netflux (anche se l'unica differenza qui è la simulazione di una classe virtuale) o Vsre, uno dei nomi più importanti per quanto riguarda lo sviluppo di video VR al momento. 

Il numero di applicazioni disponibili non è travolgente, ma è abbastanza grande da giustificare il prezzo del dispositivo. Le applicazioni più interessanti sono purtroppo a pagamento, ma devo dire che non ho visualizzato alcun annuncio pubblicitario all'interno dei servizi gratuiti che ho installato. Gli annunci integrati all'interno di scenari di realtà aumentata saranno di certo un aspetto molto interessante e presente in futuro.  

Tra tutte le applicazioni disponibili probabilmente la più interessante è l'esclusivo Land's End, un gioco sviluppato dallo stesso team di Monument Valley che mette a disposizione un'esperienza visiva piacevole ed immersiva, che conquista con susseguirsi di colori e poligoni e non cerca di fare colpo con scene di  velocità e cadute improvvise. 

È proprio in questo che si concentra la realta aumentata offerta dal Gear VR: l'esplorazione e l'immersione in diversi scenari, piuttosto che l'interazione con gli elementi, dettaglio che contribuisce alla sensazione generale che si ha del dispositivo, ovvero che si tratti più di un prototipo che di un prodotto finale. 

androidpit samsung gear vr back button
Touch pad, tasto indietro e regolatore del volume mimetizzato lungo il bordo nero. / © ANDROIDPIT

A questo si aggiunge il fatto che, al contrario di quanto si è visto per altre tendenze, ogni brand impegnato nella realizzazione di gadget per la realtà virtuale lo ha fatto a modo proprio, con strumenti propri, realizzando software diversi ai quali gli sviluppatori di applicazioni e giochi dovranno adattare le proprie creazioni.

In generale il software è buono ed Oculus mette a disposizione un ambiente virtuale attranente ed intuitivo, ragion per cui molti sfruttano questa piattaforma per dare vita alle proprie app. 

Giudizio complessivo

Per quanto riguarda l'esperienza, il Gear VR è tra i migliori visori di realtà aumentata disponibili sul mercato. Rimangono però diverse limitazioni per gli utenti, prima di tutte quella della compatibilità esclusivamente riservata ai top di gamma Samsung Galaxy.

Il secondo problema non ha nulla a che vedere con il prodotto in sé, e cioè che la realtà virtuale è ancora in fase di sviluppo e perfezionamento e rimane per il momento un'attrazzione di nicchia, che impiegherà probabilmente ancora qualche anno a decollare e diventare un fenomeno di massa. Inoltre, sarebbe bello poter sfruttare applicazioni più elaborate, con le quali interagire, piuttosto che scenari da attraversare. 

Non importa cosa stiano cercando di imporci i media, il 2016 non è l'anno in cui la realtà virtuale diventa parte integrante della nostra vita di tutti i giorni, ma rimane un piccolo campo in via di sviluppo nel quale molti brand stanno investendo tempo e risorse.

 

5 Condivisioni

3 Commenti

Commenta la notizia:
  • Scusate, io ricordo il VR compatibile solo con Note 4/Edge ed S5 e so che aveva una plastica semitrasparente che evitata di far cadere lo smartphone e che con un tasto permetteva di aprire la fotocamera e vedere attraverso la plastica senza dover togliere il visore...
    Sbaglio o con questo modello non c'è niente di tutto ciò?

  • Provato una settimana fa...,bisogna dire come è stato già detto ovunque è appunto una tecnologia nuova e quindi come tutte le cose nuove è in fase di sviluppo.
    Detto questo l'ho provato un paio di giorni ma fortunatamente dato che si può cambiare il prodotto anche se non piace entro sette giorni l'ho restituito.
    Sicuramente la sensazione del"wow" al primo impatto c'è,però è anche l'unica cosa che rimane dopo l'utilizzo di qualche giorno;ho scaricato un bel po' di applicazioni (gratuite),ho provato a vedere qualche film ma onestamente dopo le prime 2 ore di meraviglia l'ho trovato un giocattolino quasi inutile.Tolto il video preinstallato del dinosauro che è veramente spettacolare e un paio di video a 360 gradi di horror non c'è stato nulla che mi ha colpito.Questa è una opinione mia e bisogna dire comunque che in generale se si cerca in rete questo visore è ben recensito.Peccato per i video che si trovano a 360 che sono veramente tantissimi ma giustamente in questo momento si fa fatica veramente a guardarli perché sono molto sfocati (per l'appunto sul discorso tecnologico che deve ancora essere svolto).In conclusione se venisse regalato ci potrebbe anche stare ma dopo averlo fatto provare a amici e parenti e essersi divertiti qualche ora non penso possa essere utilizzato ulteriormente.

  • Carino, ma se con il 2K di S7 si vede male, con l HD del mio J5 vedo minecraft?

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK