Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

6 min per leggere Nessun commento

Xiaomi Mi 8 è un vero fuoriclasse, i benchmark lo confermano

Xiaomi Mi 8 è ormai tra le mie grinfie da qualche giorno ed ho già avuto modo di stressarlo come si deve attraverso lunghe sessioni di gioco e alcuni benchmark. Sarà riuscita Xiaomi a mantenere alta l'asticella delle performance dopo Mi MIX 2S e Black Shark? Scopritelo nel nostro test approfondito delle prestazioni di Xiaomi Mi 8.

Scorciatoie

Mettere sotto stress uno smartphone non è facile al giorno d'oggi

Come ormai tradizione per i nostri test delle performance degli smartphone top di gamma, in questo articolo verranno prese in considerazione tre diverse casistiche per valutarne il comportamento complessivo. Xiaomi Mi 8 è stato per prima cosa sottoposto ai seguenti bechmark:

Grazie a questi valori possiamo confrontarlo su carta con gli altri smartphone da noi provati, potete così farvi un'idea generale della potenza bruta del terminale. Il secondo campo di prova è il gaming, dove lo smartphone proverà il suo valore con lunghe sessioni di gioco con titoli blasonati come Final Fantasy XV Pocket Edition, Hearthstone e PUBG.

Ci sarà come sempre spazio anche per le valutazioni del comportamento dello smartphone nella vita quotidiana, perché come ben sapete fidarsi dei benchmark è bene ma non fidarsi è meglio!

Un cuore potente ma non troppo speciale

Xiaomi Mi 8, lato prestazioni, non accetta compromessi. Lo smartphone dispone dell'ultimo chip top di gamma Qualcomm Snapdragon 845 AIE dotato di CPU a otto core (4x 2,7 GHz Kryo 385 Gold e 4x 1,7 GHz Kryo 385 Silver) ed un GPU Andreno 630. Ad accompagnare il tutto troviamo ben 6GB di RAM LPDDR4X e 128GB di memoria interna non espandibile di tipo UFS 2.1.

La sigla AIE accompagnata al tipo di SoC non rappresenta una novità nel chip stesso. L'acronimo sta per Artificial Intelligence Engine e si riferisce all'ottimizzazione di Qualcomm dei suoi chip per l'uso dell'intelligenza artificiale e del machine learning sul dispositivo. Affiancando questa sigla al nome del SoC (si, l'acronimo è visibile sulla confezione) il produttore semplicemente afferma di sfruttare le capacità AI del chip messe a disposizione da Qualcomm. Questo però non esclude che anche i produttori che non applicano questa sigla utilizzino tali funzioni, semplicemente non viene specificato.

Piccola digressione a parte, Mi 8 non presenta nulla di diverso rispetto alle specifiche tecniche di tutti gli altri top di gamma del 2018. Ciò che fa la differenza in questi casi è l'ottimizzazione software e sappiamo che Xiaomi solitamente in tale senso non delude.

Nota: il software utilizzato per i benchmark è la versione cinese di MIUI 9.5, è possibile lo smartphone riesca a migliorare ancora con il software europeo o la nuova MIUI 10.

Xiaomi Mi 8 nei test benchmark

  Pixel 2 XL
(Snapdragon 835)
Huawei P20 Pro
(Kirin 970)
Galaxy S9
(Exynos 9810)
Sony Xperia XZ2
(Snapdragon 845)
Xiaomi Mi 8
Geekbench CPU
Single core
1867 1920 3645 2412 2380
Geekbench CPU
Multicore
6291 6780 8820 8420 8332
3D Mark
Sling Shot ES 3.1
3571 2972 3274 4679 4608
3D Mark
Sling Shot ES 3.0
4714 3346 3873 6140 6062
3D Mark
Ice Storm Unlimited ES 2.0
37844 30602 38488 63589 61644
PassMark Memory
(RAM)
13836 14087 24721 12418 11935
PassMark Disk
(Storage)
47759 64144 72538 73208 70966

La nostra tabella dei benchmark mette lo Xiaomi Mi8 in competizione con alcuni degli smartphone più recenti che utilizzano piattaforme diverse tra loro. Possiamo notare subito come il SoC top di Qualcomm dello scorso anno utilizzato dal Pixel 2 XL e il Kirin 970 utilizzato da P20 Pro sulla carta non tengano il passo. Tuttavia non significa che questi SoC abbiano problemi di sorta, è ovvio che una nuova piattaforma rilasciata successivamente abbia dei vantaggi prestazionali sui concorrenti più "datati".

AndroidPIT Xiaomi Mi 8 8304
Android 8.1 permette a Xiaomi di sfruttare le NNAPI (Neural Network API) sullo Snapdragon 845 AIE. / © AndroidPIT by Irina Efremova

Il vero confronto interessante è con il SoC Exynos che Samsung utilizza in Europa per i suoi top di gamma. Tale chip si dimostra nuovamente al top per quanto riguarda le prestazioni della CPU, sia in single core che in multi core, lasciando Mi 8 e Xperia XZ2 un gradino indietro. Ciò che la piattaforma mobile di Qualcomm gestisce decisamente meglio sono le performance grafiche, il chip Samsung non riesce a garantire le stesse prestazioni.

Xiaomi Mi 8 si avvicina molto ai punteggi di Xperia XZ2 che mantiene comunque dei punteggi leggermente più alti del top di gamma cinese. Questo dimostra come il software pulito e ben ottimizzato di Sony ripaghi anche nelle prestazioni pure e nei benchmark.

Un altro successo in casa Xiaomi

Dunque, Xiaomi Mi 8 dispone del miglior hardware disponibile al momento sugli smartphone Android. Quindi? Cosa significa questo nell'utilizzo dello smartphone?

Come forse potete aspettarvi dai risultati visti più sopra non c'è nessun grosso problema da segnalare, lo smartphone gira fluido e veloce, nessun incertezza o rallentamento. Sono sorpreso dalla velocità di apertura delle applicazioni che ha superato ogni mia aspettativa. Lo smartphone scivola sotto le dita con piacere come già avevo notato su Mi MIX 2S.

L'unico appunto che devo fare riguarda l'animazione di apertura dell'anteprima delle applicazioni aperte che non è risultata fluida come sul fratello Mi MIX 2S, di tanto in tanto l'apertura di questa schermata è avvenuta con qualche scatto inaccettabile per un top di gamma del genere. Il problema lo attribuisco però al software, non perfettamente ottimizzato, in più la MIUI 10 è in dirittura d'arrivo quindi probabilmente Xiaomi ha concentrato i suoi sforzi sulla nuova versione della skin Android cinese.

AndroidPIT Xiaomi Mi 8 8292
La skin Xiaomi è altamente personalizzata. / © AndroidPIT by Irina Efremova

Nei giochi lo smartphone si è comportato egregiamente senza mostrare singhiozzi o rallentamenti nemmeno nei titoli più esigenti. È interessante notare anche che Mi 8 non si riscalda leggermente come altri smartphone che utilizzano lo stesso SoC nemmeno dopo ore di gioco o lunghe registrazioni video in 4K.

Mi 8 non rallenta nemmeno dopo le sessioni più lunghe ed intensive su Final Fantasy o PUBG, ma questa potenza ha un prezzo: la durata della batteria viene accorciata vistosamente. Questo è però argomento di un altro approfondimento...

Cosa ne pensate? Darete una chance al nuovo top di Xiaomi?

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Articoli consigliati