Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

4 min per leggere Nessun commento

4 errori che LG non deve commettere con il G7

Il 2 maggio sapremo cosa ha in serbo LG con il G7 ThinQ. Fino ad allora dobbiamo accontentarci di voci di corridoio. Dispositivo a parte: con il G7 LG deve anche lavorare su alcuni errori del passato.

Con G6 e V30, LG ha preso una nuova direzione lo scorso anno, concentrando di più l'attenzione sul design, con percezione aptica e finiture di entrambi gli smartphone di altissima qualità. Tuttavia, LG non è riuscito davvero a decollare. Col G7 ThinQ LG deve fare molto meglio e imparare dagli errori.

Sulla carta, l’LG G7 ThinQ sembra fatto bene. Vedremo uno smartphone degno della fascia alta, che arriverà comunque con un notch.

Ma le specifiche tecniche non sono tutto. LG ha alcuni compiti da svolgere.

1. Più ambizione per favore al lancio, al rilascio e nel prezzo

Forse è l’aspetto da correggere più importante di LG: sia il G6 che il V30 sono arrivati sul mercato molto dopo la presentazione. I prezzi erano sempre molto alti. E almeno in Europa c'è stato un problema con il G6: importanti feature sono state escluse (nessun quad-DAC per un audio migliore, nessuna ricarica wireless). Costoso e ridotto? Non sembra proprio un ottimo affare.

LG dovrebbe assolutamente cambiare questa situazione per il mercato globale. Tra l’altro, Samsung deve essere il modello da seguire: evento di lancio e non più di due settimane dopo, lo smartphone è nelle mani del cliente. E in tutti i principali mercati. In tutto il mondo.

2. La fotocamera decide sulla vittoria e sulla sconfitta

Soprattutto il V30 non è riuscito a mantenere ciò che LG aveva promesso. La fotocamera non è riuscita a stare al passo con i migliori della classe. La decisione di una sezione fotocamera più piccola ha fatto sì che LG scegliesse un sensore di immagine più piccolo. Il risultato? Qualità dell'immagine poco travolgente.

È un vero peccato, perché con l'obiettivo grandangolare LG ha una caratteristica unica, che in molti casi permette di scattare foto molto particolari. Ma questo non aiuta se le immagini non riescono a tenere il passo.

AndroidPIT LG V30 0524
LG V30 è un ottimo dispositivo. Peccato per la fotocamera. / © AndroidPIT

3. Il problema con ThinQ

Il nome del G7 ha causato confusione. All'inizio sembrava che LG volesse interrompere definitivamente la serie G, in seguito LG ha confermato il nome come LG G7 ThinQ. ThinQ? ThinQ sta ad indicare i dispositivi domestici collegati di LG.

Non prendiamoci in giro: nella vita di tutti i giorni parleremo dell'LG G7. Nessuno parlerà del G7 ThinQ. Quindi perché usare quel marchio? L'idea di LG potrebbe essere quella di voler rendere il marchio più presente; anche al V30 fu data la denominazione ThinQ con l'aggiornamento a Oreo. Funziona quando un utente G7 ThinQ riconosce il marchio presso il rivenditore di elettronica dietro l'angolo.

4. Il software richiede un restyling totale

Il più grande problema di LG è il software. Ricordiamo: alcuni anni fa, LG ha distribuito gli aggiornamenti Android abbastanza rapidamente. Diamo un'occhiata al passato: l'LG G3 ha ricevuto l'aggiornamento a Lollipop appena due mesi dopo il rilascio ufficiale. Per l'aggiornamento a Marshmallow, LG ha avuto bisogno di circa cinque mesi. Il V20 è stato il primo smartphone a girare di fabbrica Android Nougat.

E adesso? Il V30 ha appena ricevuto il suo aggiornamento Oreo, dopo otto mesi. Sull’LG G6 non è ancora arrivato.

Cos’è successo,LG?

Solo LG sa il motivo, ma c'è una luce in fondo al tunnel: la manutenzione del software viene ricollocata in un centro software. Tuttavia LG deve confermarlo per un periodo di tempo più lungo. Il produttore dovrebbe spendere alcune parole sulla nuova strategia software alla presentazione.

Oltre agli aggiornamenti più veloci, LG deve lavorare principalmente sul suo software. Da anni, si vedono pochissime modifiche al design di base dell'UI. Ci sono piccoli aggiustamenti qua e là, ma l'aspetto del software del G3 del 2014 sembra quasi lo stesso del V30. Con nuove tecnologie come l'Assistant, LG dovrebbe investire assolutamente in una nuova user experience.

Uno smartphone all’avanguardia tecnica potrebbe fallire sotto altri aspetti. E LG lo sa bene. Con il G7 LG ha la possibilità di rifarsi.

Secondo voi, quali sono gli aspetti principali su cui LG deve lavorare?

2 Condivisioni

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Articoli consigliati