Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
Facebook AI: l'apprendimento profondo ha bisogno di un nuovo linguaggio di programmazione
Huawei Mate 20 AI 2 min per leggere Nessun commento

Facebook AI: l'apprendimento profondo ha bisogno di un nuovo linguaggio di programmazione

Negli ultimi anni, il campo dell'intelligenza artificiale ha visto enormi progressi. Tuttavia, secondo il Chief AI Scientist di Facebook, Yann LeCun, perché la crescita continui, l'industria potrebbe doversi concentrare sulla produzione di chip dedicati all'apprendimento profondo, oltre che su un nuovo linguaggio di programmazione più efficiente.

L'intelligenza artificiale è molto più vecchia di quanto ci si potrebbe aspettare, ha ben cinquant'anni. LeCun ha fatto parte di quella storia. Ha infatti lavorato presso Bell Labs negli anni '80 e ha sviluppato ConvNet (CNN), un'intelligenza artificiale con la capacità di leggere i codici di avviamento postale. A suo avviso, l'innovazione hardware è indissolubilmente legata ai progressi nel campo dell'apprendimento profondo e che in futuro dovremo assistere a ulteriori progressi.

Per questo motivo, durante il suo discorso alla conferenza internazionale sui circuiti allo stato solido di quest'anno, LeCun ha affrontato la necessità di un hardware più specifico. Lo scienziato ritiene che la domanda non potrà che aumentare in futuro, grazie a "nuovi concetti architettonici come le reti dinamiche, le strutture di memoria associativa e le scarse attivazioni".

Kirin 980 5
In futuro, potremmo vedere più chip focalizzati sull'IA, proprio come il Kirin di Huawei. / © Huawei

Dopo un articolo del Financial Times ci sono anche voci secondo cui Facebook potrebbe lavorare su un proprio chip AI: "Facebook è noto per costruire il proprio hardware quando necessario. Se qualcosa non dovesse esistere, allora lavoreremo per crearla", ha detto LeCun. Tuttavia, non vi è stata alcuna conferma ufficiale da parte di Facebook.

Infine, Yann LeCun ha anche sottolineato che gli attuali linguaggi di programmazione potrebbero limitarsi alla sola AI: "esistono diversi progetti di Google, Facebook e altre compagnie in grado di progettare un linguaggio compilato che possa risultare efficiente per l'apprendimento profondo, ma non è affatto chiaro se la comunità vorrà seguirlo, anche perché gli sviluppatori vogliono solo utilizzare Python", ha riferito LeCun ai microfoni di VentureBeat.

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica