Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

6 min per leggere Nessun commento

Abbiamo messo alla prova il display di Galaxy S9 ed S9+: è davvero il migliore?

I display di Samsung Galaxy S9 e del modello maggiore S9+ sono stati indicati come i migliori al mondo in ambito mobile. Sarà davvero così? Abbiamo testato approfonditamente i pannelli Super AMOLED di Samsung per carpirne tutti i segreti!

Di che tipo di display stiamo parlando?

Il Samsung Galaxy S9 monta un display da 5,8 pollici che copre ben l'83,6% della superficie frontale mentre il fratello maggiore S9 Plus ha un display da 6,2 pollici con bordi leggermente più sottili, il suo screen-to-body ratio (questo è il termine preciso) raggiunge l'84,2%.

Il rapporto di forma utilizzato è di 18,5:9 su entrambi i dispositivi risultando leggermente più lunghi della maggior parte dei nuovi dispositivi in commercio. La curvatura sui lati è sempre presente anche se leggermente meno pronunciata rispetto agli stondatissimi S8 ed S8 Plus.

samsung galaxy s9 vs s9 plus front c2vx
I display di S9+ (sinistra) ed S9 (destra) differiscono in dimensioni ma non in qualità. / © AndroidPIT

Su entrambi i modelli troviamo un pannello Super AMOLED prodotto ovviamente dalla stessa Samsung con risoluzione di 1440x2960 pixel ma, vista la differenza di dimensione, il Galaxy S9 ha una densità di pixel leggermente più alta: 570ppi contro i 529 del Galaxy S9+.

Gli smartphone sono protetti dal vetro Gorilla Glass 5 e dispongono entrambi di un sensore per la pressione in corrispondenza del tasto Home.

Ogni pixel è un piccolo diamante

Samsung utilizza per questi pannelli OLED una disposizione dei sub-pixel chiamata Diamond Pixels. Dall'immagine fornita da Samsung possiamo vedere come i sub-pixel di colore blu siano quelli dalla dimensione maggiore vista la bassa efficienza nell'emissione della luce, al contrario i sub-pixel verdi sono i più piccoli perché sono quelli che emettono più luce.

Samsung Diamond Pixels
Avete mai visto un display così da vicino? / © Display Mate (Samsung)

L'alternanza dei sub-pixel rossi e blu garantisce una simmetria diagonale a 45°: questo permette ai vettori visualizzati sullo schermo in verticale, orizzontale e soprattutto in diagonale di subire un ridotto effetto aliasing e presentare minori artefatti.

Per garantire la maggior possibile densità di pixel per pollice Samsung utilizza dei sub-pixel rossi e blu a forma di diamante. Questo cambia per i piccoli sub-pixel verdi che a causa delle dimensioni ridotte prendono una forma ovalizzata.

I colori più precisi mai visti

Non siamo noi a donare al Galaxy S9 l'appellativo di display migliore al mondo, nonostante anche a occhio nudo si possa ammirare la qualità del pannello, ma è il portale esperto nel settore Display Mate. Poiché fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio (così dicono), abbiamo deciso di mettere personalmente alla prova i display sottoponendoli ad una serie di test assolutamente scientifici ed inconfutabili, o almeno ci abbiamo provato.

AndroidPIT samsung galaxy s9 vs iphone x 7361
Samsung produce anche i pannelli OLED di iPhone X. / © AndroidPIT by Irina Efremova

Secondo Display Mate il pannello OLED del Samsung Galaxy S9 ha la miglior rappresentazione dei colori in assoluto in ambito mobile (High Absolute Color Accuracy). Con un valore di 0,7 JNCD (Just Noticeable Color Difference) il portale afferma che la rappresentazione dei colori del Galaxy S9 sia praticamente indistinguibile dalla perfezione. Questo non significa che i futuri modelli di smartphone non possano migliorare questo valore ma è incredibile la vicinanza dei colori di questo display a quella considerata perfetta in ambito display.

Con il valore JNCD viene misurata, per dirla in breve, la distanza tra il colore preso come riferimento ed il colore misurato. Un valore minore a 1 significa che il colore è così vicino alla perfezione da essere indistinguibile da esso ad occhio nudo.

Abbiamo effettuato le nostre misurazioni utilizzando uno strumento per la calibrazione dei colori chiamato Spyder 5 Elite e anche i valori da noi raccolti sono inferiori a 1 JNCD:

La rappresentazione dei colori nel nostro test

Colore: Rosso Verde Blu Giallo Ciano Magenta Bianco
x 0,6813 0,2339 0,1441 0,4353 0,1817 0,3262 0,2979
y 0,3187 0,7157 0,0453 0,5385 0,3246 0,1380 0,3183
Delta E 7,9 10,2 4,7 5,9 7,6 4,8 6,7

I valori x e y della tabella rappresentano le componenti della distanza tra il valore misurato e quello ideale. Combinando le due componenti si ottiene la distanza misurata in JNCD, ad esempio per il colore rosso:

0,6813 + 0,3187i (rappresentazione matematica del vettore)
r=0,7521 (misura del vettore), θ = 25,0694° (angolo) 

Nel nostro caso il colore rosso ha una variazione pari a 0,7521 JNCD il che risulta ottimo e rispecchia i risultati ottenuti dai test condotti in modo decisamente più preciso dei colleghi di Display Mate.

Capture4
Il triangolo bianco mostra la rappresentazione dei colori di S9+ in modalità standard. / © AndroidPIT

Galaxy S9 e S9 Plus sono in grado di rappresentare correttamente la gamma di colori sRGB / Rec.709 con lo schermo impostato in modalità standard nelle impostazioni (per l'esattezza il 107% di tale gamma cromatica). Utilizzando la modalità chiamata AMOLED Cinema Screen Mode i dispositivi sono in grado di coprire il 101% della gamma colori DCI-P3 per risultati imbattibili: gli smartphone sono infatti in grado di superare il 100% di copertura della gamma DCI-P3 in ambito mobile grazie ad un tipo di pannelli OLED dotato di un'alta saturazione chiamata "Deep Red".

Capture3
Il test nella scala di grigi rivela un bianco leggermente tendente all'azzurro. / © AndroidPIT

La modalità Display Adattivo raggiunge i valori di 141% dello standard sRGB / Rec.709 e il 113% dello standard DCI-P3, la più alta mai misurata su uno smartphone. Da notare anche la possibilità di tarare il punto di bianco a discrezione dell'utente: di default secondo i nostri test il display è tarato verso un bianco tendente impercettibilmente all'azzurro.

Dal buio assoluto agli occhiali da sole

La particolarità dei pannelli di tipo OLED è che ogni singolo pixel ha una propria illuminazione. Questo significa che è possibile controllare l'illuminazione di ogni singolo pixel in maniera indipendente e che i pixel spenti sono di un colore nero assoluto. La conseguenza di tutto ciò è un contrasto praticamente infinito in quanto non è possibile calcolare il rapporto data la luminosità del colore nero pari a 0.

I display di Galaxy S9 e S9+ non fanno eccezione e dispongono di neri assoluti e contrasti elevati. Sempre secondo i colleghi di Display Mate la nuova generazione di Galaxy dispone di una luminosità massima (peak brightness) di ben 1130 nits posizionandosi di poco sotto il valore misurato per Galaxy Note 8.

Questo consente ai due smartphone di essere perfettamente leggibili alla luce del sole anche se con l'aumentare della luminosità, all'avvicinarsi al valore di picco, la rappresentazione dei colori cala riducendo (anche se di poco) lo spazio colori visibile. Non preoccupatevi, non noterete la differenza.

Questo garantisce ad entrambi gli smartphone la certificazione Mobile HDR Premium della UHD Alliance e la certificazione HDR10.

Voi solitamente vi informate nel dettaglio riguardo al display di uno smartphone prima di acquistarlo? Fateci sapere nei commenti cosa ne pensate di questi nuovi poderosi smartphone.

Fonte: Display Mate

7 Condivisioni

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica