Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
6 Condivisioni 1 Commento

L’evoluzione (e il futuro) degli smartphone Honor

Sono molti i costruttori che vogliono una fetta della torta Android. Fra questi c’è  la giovane e misteriosa azienda Honor, nuovo drago asiatico che si sta iniziando ad affermare nel mercato degli smartphone. Ma quali sono le origini di questo nuovo concorrente? In questo articolo vi invitiamo a (ri)scoprire l'evoluzione di questo brand, dalla nascita fino ad oggi.

La nascita del brand

Il giovane prodigio cinese nacque nel 2014. Huawei, fiero del proprio successo e ambizioso di conquistare la scena internazionale, decise di creare la sottomarca Honor per attrarre una clientela più giovane. Ma, come precisò Jeff Liu, presidente della società, "saremo un po’ quello che è Mini per il gruppo BMW", insomma indipendenti. E così, negli anni, Honor è diventato un nome importante nell'industria degli smartphone capace di competere con Samsung e altri giganti del mercato.

Lo slogan di Honor è “for the brave” (per i coraggiosi) che richiama alla memoria lo slogan di un profumo della Diesel “only the brave” (solo i coraggiosi) seppure non ci sia nessun collegamento fra i due. Per l’azienda cinese, infatti, il riferimento al coraggio dimostra il desiderio di essere innovativi, di creare qualcosa di diverso, di cambiare.

Huawei Honor 6 MWC 2015
L'Honor 6 ha fatto subito colpo quando è entrato nella scena della telefonia mobile! © Wikimedia

Huawei avanza, Honor fa passi da gigante

Honor usa diverse strategie per differenziarsi dai suoi competitor. Prima di tutto, pubblicizza i propri telefoni solo online su Vmall, la sua piattaforma e-commerce. Sui più popolari siti di shopping online, come Amazon, è impossibile comprare questi dispositivi cinesi. Dall'altra parte, però, alcune compagnie telefoniche li mettono a disposizione nei propri negozi.

L'eleganza del design e l'eccellente rapporto qualità/prezzo hanno fatto conoscere questa costola di Huawei a livello internazionale. Il messaggio è semplice: se vuoi il meglio scegli un prodotto di punta; se vuoi il miglior rapporto qualità/prezzo scegli un Honor. Naturalmente ci sono diversi modelli adatti a tutte le tasche: la serie C è indirizzata a chi pretende di meno, la serie X è quella di fascia media e infine ci sono i modelli contrassegnati solo con un numero (come Honor 6, 7 e adesso anche 8) che vogliono competere con i rivali di fascia alta (senza però essere davvero a quel livello).

BP
Benoit Pepicq
Honor offre il miglior rapporto qualità/prezzo sul mercato
Cosa ne pensi?
53 votanti
50
50

Riflettori puntati

Honor, come brand, ha iniziato ad ottenere riconoscimenti fin da quando ha lanciato sul mercato l'Honor 6, ma è solo con l'Honor 7 che si è fatto conoscere in tutto il mondo. Questo, infatti, è stato lo smartphone più venduto online nel 2015, catapultando il suo produttore nel mondo dei device a basso costo e allo stesso tempo innalzando la reputazione dei terminali cinesi. La ragione di questo successo sta semplicemente nel buon equilibrio raggiunto tra la qualità dei materiali ed il prezzo finale, che è circa la metà degli altri modelli di fascia alta.

Questa caratteristica del sotto brand cinese ha fatto sì che gli venissero affibbiati diversi soprannomi: “Il re del rapporto qualità/prezzo” o ancora: “Lo squarcia-prezzi”. Tutti i giornali più importanti hanno espresso un giudizio unanime: Honor è riuscito, con facilità, a competere con i flagship senza essere al loro livello. La stessa strategia di prezzo è stata usata anche con l'Honor 5X e l'Honor 5C, ma solo L'Honor 7, aveva le carte giuste per cercare di mettere in ombra i suoi concorrenti di fascia alta: l'Honor 5X è meno competitivo ed il 5C è uno scalino ancora più in basso.

AndroidPIT honor 8 review 6443

Honor 8 è il miglior smartphone del brand!  © AndroidPIT

L’allievo supera il maestro?

Se all'inizio la strategia di Huawei era chiara, adesso sembra piuttosto confusa. Con l'Honor 8 il brand ha raggiunto i livelli dei top di gamma, oscurando quello che avrebbe dovuto essere il fiore all'occhiello della “casa madre” e cioè il Huawei P9 (ed il P9 Plus, la sua versione più grande).

Stesso problema ma sotto un altro aspetto riscontrato con l’annuncio dell’ultima scommessa di casa Huawei, gli smartphone Nova, con cui il brand cinese ha messo in ombra gli smartphone di fascia media del brand Honor.

China AndroidPIT
La maggioranza dei produttori di smartphone sono cinesi.   © AndroidPIT

Che ne sarà di Honor?

Il mercato Android sta cambiando, s ista forse addirittura evolvendo, a seconda dei punti di vista. Ma comunque lo si guardi, a causa dei grandi cambiamenti in corso, è difficile immaginare il futuro di Honor. Andromeda, Tizen e la progettazione di altri OS mettono Huawei, e quindi Honor, di fronte a una moltitudine di scenari possibili. Si mormora addirittura che Huawei possa creare un proprio sistema operativo o unirsi a Samsung per evitare di utilizzare il sistema di Google.

BP
Benoit Pepicq
Huawei, Samsung ed altri produttori potrebbero unire le forze per aggirare Google
Cosa ne pensi?
37 votanti
50
50

Molto probabilmente Honor rimarrà una costola - speciale - di Huawei. Le strategie di concorrenza tra i prodotti della stessa casa sono probabilmente chiare per Huawei e un giorno lo saranno anche per noi. Per ora pensiamo al breve periodo e teniamo gli occhi  puntati sull’orizzonte perché sono in arrivo Honor 6X e Honor 6C.

Honor sembra essere diventato il brand dei giovani. Forse la compagnia si adatterà a quest'idea e quindi, invece di usare materiali di fascia medio-alta venduti a un prezzo modico, potrebbe cercare di approfittare della sua giovane clientela (fetta di mercato propensa a spendere in un apparecchio più sofisticato per avere tra le mani le ultime novità) in modo da massimizzare i profitti. Se dovesse imboccare questa strada Honor potrebbe quindi cercare di rafforzare la propria reputazione di brand di “fascia alta” per competere con i prodotti di punta dei concorrenti, cercando di mantenere, per quanto possibile, un prezzo più ragionevole. Il cambiamento potrebbe ripagare sia in termini di costi di produzione che nel numero di apparecchi venduti.

Che ne pensate? Secondo voi quale potrebbe essere la migliore strategia che Honor dovrebbe adottare?

1 Commento

Commenta la notizia:
  • Effettivamente faccio un po' fatica a capire la strategia di Huawei. Ormai gli Honor hanno raggiunto qualità ed estetica di livello notevole tanto da fare concorrenza anche alle punte di diamante come P9 e P9 Plus. Forse la strategia è proprio quella di immettere sul mercato un buon prodotto ad un ottimo prezzo dopo aver venduto il top di gamma in maniera tale di non avere mai un calo delle vendite in "casa"? Non saprei proprio. Di certo posso dire che l'Honor 8 è veramente un gran telefono; ogni giorno che passa me ne convinco sempre più.

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK