Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
29 Condivisioni 17 Commenti

I 5 peggiori fail che Samsung avrebbe potuto evitare

Samsung è sicuramente la marca più amata e contemporaneamente odiata di tutto il panorama Android. La recente decisione di non esportare l'atteso Galaxy Note 5 in Europa ha fatto storcere il naso a molti, anche ai clienti storici e fedeli. Ma questo del Note 5 è solo l'ultimo dei grossi fail che la casa sudcoreana ci ha regalato nel corso del tempo.

Se da una parte Samsung è amata per i suoi top di gamma che suscitano sempre grande attesa ed interesse, quasi mai tradito, dall'altra ha spesso preso decisioni discutibili e non sempre a favore dei suoi utenti. Ecco perchè il più grande costruttore di dispositivi Android crea nei vari aficionados un sentimento di amore/odio. Scoprite i 5 peggiori fail dove Samsung ha veramente toppato alla grande.

samsung galaxy note 5 screen
Quale sarà il futuro della serie Note?/ © ANDROIDPIT

1. Non esportare il Galaxy Note 5 in Europa

Partiamo ovviamente con la ferita che brucia ancora. Lo ripeteremo allo sfinimento, ma quella di non dotare l'Europa del phablet che tutti attendevano da mesi, è stata proprio una mossa maldestra. La ragione più o meno ufficiale è quella che gli europei non utilizzano la S-pen a sufficienza, anzi, la considerano un orpello, una decorazione in più. Anche se cosi fosse, i vecchi Note 3 e 4 si vendevano eccome, carissimi i miei megadirigenti lì a Seul!

samsung galaxy note 5 s pen 2
Ritenete davvero che la S-Pen sia inutile o poco pratica? / © ANDROIDPIT

La serie Note è stata lanciata (in Europa come nel resto del mondo) nel 2011 e da allora è sempre stata un successo. Ora spunta fuori la decisione di diversificare i mercati decidendo a priori che a noi europei possa andare bene il Galaxy S6 Edge+, molto simile al Note 5 ma senza la S-pen. Per il futuro non sembrano esserci cambiamenti di rotta e Samsung si è attirata un manipolo di hater non indifferente, senza contare i possibili nuovi clienti persi. Contenti voi...

2. Accantonare alloggiamenti microSD e batteria removibili

Altro tema caldo. Il nuovo trend o è stato in maniera più o meno diretta inaugurato dalla stessa Google con le strategie di lancio di Android Lollipop e dei nuovi Nexus e tutte le principali case costruttrici hanno seguito questo modello. Samsung non fa eccezione, ma in quanto maggior costruttore di smartphone e tablet con anima Android ci si poteva aspettare una presa di posizione differente, considerando le forti richieste degli utenti più affezionati al brand coreano. Ma Samsung ha deciso di ignorarli.

AndroidPIT Samsung Galaxy S6 Edge microSD card
Niente alloggio per scheda SmicroD sul Galaxy S6 e sui suoi successori! / © ANDROIDPIT

Tutti i nuovi prodotti, le varie declinazioni dell'S6 ed il Note 5, non offrono queste caratteristiche (sarebbe discutibile anche l'estrema vicinanza tra il Note 5 e l'S6 Edge+) e se da una parte l'assenza delle batterie estraibile potrebbe essere in parte giustificata dalla presenza della tecnologia di ricarica rapida e wireless, dall'altra, un mancato hub per le schede di memoria microSD è un chiaro segno della decisione di puntare sul Cloud e sulla sincronizzazione dei vari dispositivi tra loro. Ma questo, come detto, significa ignorare la richiesta del cliente.

3. Creare la moda dei mini smartphone

Tutti abbiamo presente le varie versioni rimpicciolite dei migliori smartphone in circolazione, giusto? In questo caso si può puntare il dito in una sola e unica direzione: Samsung. Il trend di lanciare nuovi smartphone che sono spacciati come la versione più piccola dei loro fratelli maggiori, è stato spinto proprio dalla casa sudcoreana che con i Galaxy Mini hanno inondato il mercato di smartphone che di Galaxy avevano solo il nome. Indubbiamente sono stati un successo commerciale e tutte le altre case hanno seguito a ruota.

AndroidPIT samsung s5 vs s5 mini
Avete anche voi in tasca un Samsung Galaxy mini? / © ANDROIDPIT

Samsung ha pubblicizzato i suoi dispositivi mini come l'acquisto di un top di gamma ad un prezzo più che vantaggioso. La realtà è che di top di gamma questi mini non hanno nulla e dopo poco tempo si rivelano le trappole che sono: lag e rallentamenti come se piovesse. L'alternativa a queste brutte copie in scala ridotta esiste, ma il successo dei mini è tale che gli smartphone di fascia media sono merce rara tra i consumatori.

4. Siamo nel 2015 e ancora copiamo Apple?

Samsung è uno dei maggiori produttori al mondo di dispositivi Android ed i suoi migliori prodotti sono spesso il riferimento per gli altri concorrenti. Considerando la sua posizione di primo della classe, ci si aspetterebbe mai che la casa coreana copi ancora il proprio rivale diretto come uno studentello alle medie? La risposta più ovvia sarebbe no, ma Samsung in realtà continua a copiare il design di Apple.

s6 edge plus vs iphone 6 plus front
iPhone 6 Plus e S6 Edge+, quello coi bordi smussati è il Samsung! / © ANDROIDPIT

Questo è forse uno dei più grossi inciampi per Samsung, che non solo uniforma i propri migliori prodotti a quelli di iPhone e iPad, ma che tenta inoltre di prenderne l'immagine di esclusività (andando a calpestare un campo dove Apple è quasi imbattibile). Se si escludono alcuni brand cinesi, Xiaomi e Meizu che scopiazzano spudoratamente, Samsung è l'unico brand che insegue Apple. Gli esempi di Motorola e LG dimostrano che crearsi un proprio design e stile, significa anche crearsi un proprio bacino di clienti che apprezzano. Caduta di stile.

5. L'incapacità di fare uno smartphone decente di fascia media

Ecco il punto che personalmente più mi fa irritare e che va a coinvolgere tutti gli altri punti finora elencati. Samsung non è in grado di creare uno smartphone di fascia media che abbia un livello che tocchi la decenza. O meglio, non lo vuole fare. Questo è la dimostrazione di come la casa coreana punti tutto sui suoi modelli top di gamma, senz'altro ottimi e meravigliosi, ma lasci allo sbando tutto quello che viene dopo i flagship.

Samsung Galaxy A3 11
Il Samsung Galaxy A3 non è stato in grado di competere con i suoi rivali. / © ANDROIDPIT

Se escludiamo gli smartphone di fascia bassa e medio bassa, dove la situazione è forse peggiore, è emblematico il caso del Galaxy A3. Lanciato con un prezzo non proprio competitivo, offre caratteristiche tecniche assolutamente inferiori rispetto ai modelli delle case che puntano più sui modelli di fascia media piuttosto che su quelli di fascia alta, consci del fatto che le risorse investite da LG, Sony, Apple, HTC e altri, sono molto più ampie. Un Idol della Alcatel One Touch o uno Zenfone 2 della Asus costano meno e sono meglio di un Galaxy A3, segno che Samsung punta sul prestigio guadagnato con i suoi migliori modelli per poi vendere la propria reputazione accompagnata da dispositivi assemblati al risparmio. Tutto ciò è molto poco Android.

Avete altri fail da segnalarci? Cosa ne pensate di questi?

Originariamente di Sergio Colado su AndroidPIT.es

17 Commenti

Commenta la notizia:
  • La penso proprio come te, il Note 4 è praticamente l'Ultimo Samsung di fascia alta

  • D'accordo su tt i punti ma.. Per smartphone buoni di fascia media intendi nuovi prodotti? No perché ho preso ora il galaxy s3 neo e mi sembra proprio 👍.. O Sbaglio?

  • Non dotare i dispositivi di slot di espansione micro SD e abbandonare l'idea della batteria removibile è, secondo me, un punto a sfavore per il produttore Coreano e l'ennesima emulazione del mondo Apple!

  • Sono assolutamente d'accordo su tutto in particolare sul fatto che ancora oggi si copia Apple oppure si fa qualche copia tra le varie case produttrici anche se va detto, che effettivamente un po' di spionaggio industriale e di copia, lo si è sempre fatto in tutti i settori. Concordo pienamente anche sul punto 5, l'incapacità di fare uno smartphone decente di fascia media è un problema che interessa moltissime aziende. Il fatto di fare i mini però, potrebbe essere orientato proprio a prendere quella fascia di mercato composta da quelle persone che vogliono dire di avere un Samsung ed un top di gamma ma per motivi economici non possono permetterselo, insomma un modo per aumentare i profitti

    • ...che alla lunga non paga. Non sono dei buoni dispositivi e la volta dopo l'utente medio non sceglie lo stesso telefono per cui ha litigato per mesi interi.

  • Che dire del servizio assistenza in Italia? Pessimo e inefficiente ho dovuto rivolgermi alle vie legali per far valere le mie ragioni a quel punto hanno capito. una vergogna.

  • Assolutamente d'accordo.
    (sono al mio 5 Samsung in 5 anni)
    Non mi va giù la storia del Note 5, dopo aver avuto un Note 2, 3 e 4, ma ancor meno batteria non removibile e micro sd assente.

  • È tutto esatto...

  • Complimenti, articolo quanto mai azzeccato! Per non parlare degli aggiornamenti che son sempre un terno al lotto....io cerco un successore Samsung per il mio note 3...speravo nel 5 ma dovró ripiegare sul 4...e poi il pennino è inutile..

    • Tutto ciò perché vuoi un altro Note?!

    • Il 4 è un telefono eccezionale.
      Il miglior Samsung dei 5 che ho avuto.
      Al di là del discorso pennino, che non è indispensabile ma se c'è io lo apprezzo, è un telefono che fa tutto in maniera eccellente.
      Finché non lo hanno aggiornato a Lollipop e lì ha perso molto punti per via della batteria che dura un 30% in meno di prima.
      Arrivavo a quasi un giorno e mezzo, adesso finisco la giornata quando non si mette a scaldare di testa sua!
      Arrabbiatisssimo.

    • Si è vero, anche gli aggiornamenti sarebbero uno di quei temi su cui si dovrebbe discutere, ma di carne al fuoco ne abbiamo messa parecchia! Se non utilizzi i pennino, prova a cambiare con qualcosa diverso da un Note, magari un S6 o perchè no....qualcosa che non sia Samsung!

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK